Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova disciplina delle invenzioni dei pubblici ricercatori

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 C APITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI IN TEMA DI CREAZIONI INTELLETTUALI §1-Il fondamento giuridico dei diritti derivanti da creazioni intellettuali La nuova disciplina delle invenzioni “universitarie”, ossia di quelle invenzioni realizzate da pubblici ricercatori, offre lo spunto per alcune riflessioni di carattere generale in tema di diritti di esclusiva industriale. L’argomento è quello del fondamento giuridico dei diritti derivanti da creazioni intellettuali - siano esse invenzioni in senso proprio o opere d’ingegno - quali siano gli interessi coinvolti e tutelati nelle diverse discipline che si sono venute stratificando, quale l’oggetto e i soggetti delle diverse tutele giuridiche che ne discendono. Perché l’ordinamento tutela le creazioni intellettuali creando monopoli legali a favore di determinati soggetti? Chi sono questi soggetti e in base a quale principio si vedono attribuire questo vantaggio economico? Quale è il titolo di acquisto sulla creazione intellettuale e in capo a chi nasce? Per rispondere a queste domande occorre basarsi sulla disciplina positiva non tralasciando quelli che sono gli orientamenti ideologici di fondo che spesso ne condizionano la interpretazione.

Anteprima della Tesi di Paolo Maddaloni

Anteprima della tesi: La nuova disciplina delle invenzioni dei pubblici ricercatori, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Maddaloni Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1660 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.