Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il settore del credito al consumo: l'esperienza del Gruppo MPS

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 INTRODUZIONE Il credito al consumo è un fenomeno in costante crescita in Italia, tanto da far aumentare l’attenzione rivolta ad esso da parte degli istituti eroganti credito, siano essi banche o società finanziarie. Il credito al consumo – identificabile come prestito alle famiglie e strutturabile in differenti tipologie (carta di credito, piccoli prestiti, credito finalizzato, ecc.) – non ha risentito, a differenza d'altri settori, della contrazione dei consumi e della congiuntura negativa che ha caratterizzato gli ultimi anni. Nel 2001, infatti, l’ammontare complessivo delle consistenze è stato di 47,5 miliardi di euro, con un incremento pari al 12,9% 1 , e nel 2002, nonostante le forti tensioni presenti sui mercati finanziari, è continuato il trend positivo del credito al consumo; i dati Assofin mostrano un incremento del 13,6% al 31 dicembre 2002, in accelerazione, quindi, rispetto al dicembre 2001 2 . L’obiettivo di questa tesi è di studiare il mercato del credito al consumo e, in particolar modo, come esso è gestito dagli enti eroganti il credito. Questo mercato è un settore in continua evoluzione e, di conseguenza, anche di difficile gestione, poiché i prenditori di fondi chiedono forme tecniche di credito e di rimborso sempre più flessibili e personalizzate. Il pericolo maggiore che le banche e le società finanziarie cercano di evitare, o almeno di ridurre, è l’insolvenza del prenditore di fondi. Per evitare ciò, è necessario porre in essere una valutazione del rischio di credito, la quale risulta particolarmente complessa, giacché l’elevato numero di richieste e l’importo solitamente basso del prestito, unito alla difficoltà di reperire informazioni sui richiedenti crediti, non rende conveniente l’utilizzo dei metodi tradizionali (soggettivi) sia dal punto di vista economico sia di tempo impiegato nell’istruttoria. Al fine di poter risolvere questo problema, vi è la necessità del reperimento d'informazioni sui richiedenti crediti e dell’utilizzo per 1 Em.V., Il credito al dettaglio cresce a quota 47,5 miliardi di euro, in Il sole 24ore, 15/05/02. 2 Vedi “Osservatorio sul credito al dettaglio”, collaborazione Assofin – Crif – Prometeia, maggio 2003, quattordicesima edizione.

Anteprima della Tesi di Gabriele Giovannelli

Anteprima della tesi: Il settore del credito al consumo: l'esperienza del Gruppo MPS, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gabriele Giovannelli Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5743 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.