Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il settore del credito al consumo: l'esperienza del Gruppo MPS

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Capitolo primo Il mercato del credito al consumo 1.1. Il credito al consumo: definizione Il credito al consumo è costituito dai finanziamenti rateali destinati all’acquisto di beni e servizi, dai prestiti personali, dalle aperture di credito rotativo (revolving) con o senza carta, dalle operazioni di cessione del quinto dello stipendio. I destinatari di questo credito sono le cosiddette persone consumatrici. Esiste un problema definitorio sul credito in questione: teoricamente, infatti, viene concesso a favore di persone che impiegano i mezzi finanziari così ottenuti per fini tipici di consumo. Questi possono essere l’acquisizione di beni e servizi per il consumo corrente (ad esempio l’alimentazione, il vestiario, le vacanze), oppure l’acquisizione di beni di consumo durevole (mobili, automobili, elettrodomestici, ecc.). In realtà, spesso coloro che concedono il prestito non sanno esattamente cosa effettuerà colui che si è indebitato con la somma messa a sua disposizione 3 . Nella pratica, quindi, il prenditore di fondi si può indebitare anche per fini diversi da quelli di consumo e, in particolare, per porre in essere investimenti in beni immobili, in beni da collezione o per l’acquisto di attività finanziarie. Il debitore, inoltre, può servirsi del prestito per più scopi contemporanei, utilizzandone, per esempio, una parte per l’acquisto di servizi e il resto per investimenti in attività finanziarie. La normativa in tema di credito al consumo non risolve tale discordanza tra la teoria e il modo di agire consueto, ma lascia spazio a differenti interpretazioni. Infatti, il Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia – D.Lgs. 1° settembre 1993, n.385, art.121 – definisce come credito al consumo “la concessione, nell’esercizio di un'attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o d'ogni altra analoga facilitazione a favore di una persona fisica che 3 Vedi Ruozi R. (a cura di), Economia e gestione della banca, EGEA, Milano, 1997.

Anteprima della Tesi di Gabriele Giovannelli

Anteprima della tesi: Il settore del credito al consumo: l'esperienza del Gruppo MPS, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gabriele Giovannelli Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5743 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.