Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestire la sfida del lusso: il caso Chimento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo 22 L’esperienza dell’acquisto e della fruizione lussuosi, poiché hanno in sé la natura di momento liminare attraverso cui il soggetto varca una soglia che lo conduce al di sopra e al di là della banalità del quotidiano, non è assolutamente considerabile come semplice fruizione di beni. Sulla scia dell’agire della moda – modi d’essere socialmente costruiti – la soglia iniziatica del rito si sposta continuamente, ma non per questo viene allentato il valore della soglia 3 . In essa si condensano significati e universi simbolici enormi, e in un tempo in cui il lusso è conquistabile da una fetta sempre maggiore della popolazione, la difficoltà di gestire l’acquisto di lusso non risiede più solo nel cosa acquistare, ma anche nel come fruire di ciò che si acquista. L’acquisto dell’oggetto di lusso non è più distinguibile dall’acquisto dei significati che l’oggetto stesso veicola, e diventa centrale, per il consumatore, il bisogno di disporre attorno a sé questi significati in modo coerente, creando così una “costellazione di consumo”, conformandosi ad una moda piuttosto che costruendo un proprio personale insieme di riferimenti attraverso percorsi di cross-branding. In una parola, si assiste alla costruzione di un lifestyle 4 inteso come disposizione (display) da parte dell’individuo di un insieme di marche tra loro coerenti. A questo proposito assume un senso il cosiddetto “Effetto Diderot”, come esemplificazione del processo di creazione del sé attraverso l’acquisto: si può iniziare da un singolo acquisto di alto livello (una camicia, un gioiello, un mobile), alla luce del quale tutte le cose vicine assumono le sembianze di oggetti di basso livello, qualitativamente ed esteticamente inferiori, e vengono una alla volta sostituite dal soggetto con oggetti più vicini allo standard elevato del primo acquisto. Questo è un esempio di ricerca di coerenza da parte del soggetto il quale, creando una costellazione di consumo, aderisce a/costruisce una moda. In questa “vestizione del Sé” si costruisce il 3 Si veda a questo proposito Alberto Abruzzese, Essere Moda, in AA. VV., Communifashion, ed. Luca Sossella, Roma, 2001. 4 James Twitchell, Living it up, Columbia University Press, New York 2002, pag.85.

Anteprima della Tesi di Raffaella Marcuzzi

Anteprima della tesi: Gestire la sfida del lusso: il caso Chimento, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Raffaella Marcuzzi Contatta »

Composta da 394 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5030 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.