Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pattern di sviluppo a confronto: la periferia europea e il Sud-est asiatico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Pattern di sviluppo a confronto: la periferia europea e il Sud Est asiatico Preview Corea del Sud, di Singapore e di Taiwan. Tenendo conto di quanto detto, si potrebbe supporre che il processo di catch-up da parte dei suddetti Paesi del Sud Est asiatico sia stato caratterizzato da una sequenza di fasi in cui il contributo della TFP riveste un ruolo di crescente importanza (anche se in misura relativamente inferiore rispetto ai Paesi dell’OCSE) una volta raggiunta, nel processo di accumulazione del capitale, la “massa critica” cui si faceva riferimento in precedenza 5 . A conferma dell’individuazione di diverse fasi in seno alla crescita delle NIEs asiatiche si riscontra, nell’ambito della letteratura che si è interessata alla performance di questi Paesi, un cambiamento di prospettiva [OCSE,1994]. La prima “corrente” di matrice neoclassica, che si fondava sull’esperienza delle NIEs fino al 1973, sottolineava l’importanza dell’apertura verso l’esterno ed il passaggio ad un regime di cambi flessibili per consentire l’armonizzazione dei prezzi nazionali con quelli che si stabiliscono sui mercati internazionali. Negli anni ’80, si sviluppò un secondo filone (facente riferimento a quanto accaduto nelle NIEs asiatiche fra la fine degli anni ’70 e la metà della decade successiva) che enfatizzava l’importanza del ruolo svolto dai governi nazionali sia nell’indirizzare il comportamento degli agenti economici, che nell’instaurare un contesto sociale favorevole alla realizzazione del potenziale di crescita [Helpman e Krugman, 1989; Scott e Lodge, 1985; Porter 1990]. Tra gli anni ’80 e gli anni ’90 nacque un terzo indirizzo teorico, che si interessava al processo di 5 Welfens [2000, pag.66] individua una serie di fasi che caratterizzano il processo di rincorsa. In corrispondenza dei livelli più bassi di reddito pro capite rispetto all’economia leader è indispensabile (come cornice in cui tracciare la traiettoria di sviluppo) conseguire la stabilità istituzionale e garantire l’effettività della legge. In seconda battuta, devono essere fornite le condizioni essenziali per dare avvio al processo di accumulazione dei fattori produttivi e quindi, da una parte, incentivare la formazione del capitale sostenendo il risparmio nazionale e la costituzione di un mercato dei capitali e, dall’altra, porre in essere delle politiche volte all’incremento della partecipazione al processo produttivo e all’innalzamento dei livelli di istruzione della popolazione. Una volta raggiunto un livello di accumulazione tale da permettere la produzione di merci competitive sui mercati internazionali (in particolare di beni prodotti dal settore manifatturiero), investire nell’economia in questione diventa redditizio ed il conseguente afflusso di FDI permette il trasferimento non soltanto di progresso tecnico incorporato nei beni capitali, ma anche del fattore O-I [Fuà, 1985]. Questo insieme di capacità di nuova acquisizione consente, a sua volta, la “produzione” di innovazione nei Paesi a sviluppo tardivo. L’ultima fase individuata dall’autore, quella che consacra il successo di un’esperienza di rincorsa, è il generare flussi di FDI in uscita, capacità che denota l’avvenuto inserimento in uno stadio della divisione internazionale del lavoro abbastanza elevato da poter delocalizzare la produzione delle merci ad alta intensità di lavoro nelle economie che attraversano le primissime fasi del loro processo di sviluppo economico. 7

Anteprima della Tesi di Luca Roccheggiani

Anteprima della tesi: Pattern di sviluppo a confronto: la periferia europea e il Sud-est asiatico, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Roccheggiani Contatta »

Composta da 287 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1592 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.