Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il franchising come strategia di crescita esterna volta al mantenimento e allo sviluppo di vantaggi competitivi durevoli. Un caso concreto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 1.1 Contenuto e obiettivi della strategia aziendale Si può dire che, in generale, una strategia aziendale deve: — essere un modello decisionale coerente, unitario e integrato; — determinare gli obiettivi di lungo periodo dell’impresa e conseguentemente i programmi d’azione e le priorità allocative; — definire il territorio competitivo dell’impresa; — saper fronteggiare minacce e punti di forza dei concorrenti, come deve saper sfruttare sia le debolezze dei concorrenti che le opportunità offerte dal mercato, il tutto al fine di conseguire il vantaggio competitivo; — indicare la differenziazione dei compiti del management (a livello centrale, SBU, funzionale) ai fini di un’efficace implementazione della strategia; — definire i rapporti con i vari stakeholders 2 . Emergono da questo elenco tre principali scopi della strategia aziendale: formalizzare e fissare gli obiettivi di tutta l’azienda; supportare i processi decisionali 2 “Occorre considerare gli stakeholders come soggetti che contribuiscono al processo di creazione del valore e che quindi entrano nel sistema di gestione strategica dell’impresa”. Si distinguono: “gli stakeholders interni, ossia quei soggetti che agiscono all’interno del sistema impresa (ad esempio la proprietà, la direzione e le risorse umane aziendali); gli stakeholders esterni, ossia coloro che esercitano dall’esterno un’influenza sulle vicende dell’impresa (ad esempio lo Stato, i sindacati, l’opinione pubblica); gli stakeholders primari ossia coloro che hanno una formale relazione contrattuale con l’impresa (ad esempio i fornitori, i lavoratori e i clienti) e gli stakeholders secondari ossia tutti quegli altri soggetti che possono influenzare le attività dell’impresa (o da queste essere influenzati)”. L. SICCA, La gestione strategica dell’impresa, CEDAM, Padova-1998, pag. 52 .

Anteprima della Tesi di Luigi Venturi

Anteprima della tesi: Il franchising come strategia di crescita esterna volta al mantenimento e allo sviluppo di vantaggi competitivi durevoli. Un caso concreto, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luigi Venturi Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7624 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.