Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le crisi d'impresa e le problematiche di risanamento. Il tormentato processo di ristrutturazione del Banco di Napoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LA FUSIONE DEL BANCO DI NAPOLI IN S. PAOLO IMI 15 suoi flussi economici, pur se positivi, registrino un andamento decrementativo nel tempo: è la perdita di capacità reddituale dell’impresa a determinare dunque una situazione di declino. La crisi in senso stretto rappresenta un’ulteriore degenerazione rispetto alle condizioni del declino. Tecnicamente si tratta di uno stato di grave instabilità originato da rilevanti perdite economiche, da conseguenti forti squilibri nei flussi finanziari, dalla caduta della capacità di credito per perdita di fiducia (da parte dei clienti, dei fornitori, del personale, etc.), dall’insolvenza (ossia dall’incapacità di far fronte ai pagamenti in scadenza), e dal dissesto (ossia da uno squilibrio patrimoniale definitivo). L’insolvenza, misurata in termini di flussi, indica l’incapacità dei flussi finanziari generati dall’impresa di far fronte alle obbligazioni in essere; il dissesto, misurato in termini di stock, palesa una situazione tale per cui il valore delle attività è insufficiente a garantire il rimborso dei debiti. La crisi è la fase conclamata del declino, cioè la conseguenza dell’accumularsi di risultati sfavorevoli di gestione, dovuto all’incapacità del gruppo imprenditoriale e manageriale di governare i complessi rapporti tra le dinamiche esterne ambientali e quelle interne aziendali: il deficit finanziario della gestione viene aggravato dalla perdita di fiducia da parte del mercato e l’insolvenza diventa irrimediabile senza consistenti interventi di ristrutturazione industriale e finanziaria. Il verificarsi di uno stato di crisi aziendale non è imputabile esclusivamente ad un drastico e improvviso cambiamento ambientale; normalmente essa si configura come l’emersione di un lento deterioramento nel tempo della strategia e della struttura aziendale 5 . Le imprese nel corso del loro ciclo di vita non possono prescindere dall’esigenza di cambiamenti, che possono interessare sia lo scenario nel 5 Confrontare S. Sciarelli, La crisi d’impresa: percorso gestionale di risanamento delle piccole e medie imprese, (Cedam, Padova, 1995, pag. 8).

Anteprima della Tesi di Alessandro Venza

Anteprima della tesi: Le crisi d'impresa e le problematiche di risanamento. Il tormentato processo di ristrutturazione del Banco di Napoli, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Venza Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6970 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.