Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le crisi d'impresa e le problematiche di risanamento. Il tormentato processo di ristrutturazione del Banco di Napoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LA FUSIONE DEL BANCO DI NAPOLI IN S. PAOLO IMI 18 fabbisogno finanziario dovuto all’ampliamento del capitale circolante e conseguente ad uno sviluppo rapido e finanziariamente non sostenibile del giro d’affari (overtrading). In questi casi il ripristino dell’equilibrio finanziario è sufficiente per risolvere la presunta condizione di crisi. Se questa, invece, ha radici economiche legate a fattori di carattere tecnico-produttivo e commerciale (decadimento dei prodotti, produzione non competitiva quanto a costi, prezzi e qualità, insufficiente attività promozionale), di carattere organizzativo strutturale e strategico, il riequilibrio finanziario non può mai assumere un valore risolutivo perché non è in grado di eliminare le cause delle perdite economiche che fanno emergere anche squilibri finanziari, richiedendo queste cause altri tipi di interventi. Una crisi a matrice finanziaria può manifestarsi solo in due ipotesi o momenti di vita aziendale: nella fase di avvio, allorché l’insufficienza di mezzi propri può impedire la nascita dell’impresa, o nella fase di sviluppo dimensionale, quando la crescita è superiore alle dotazioni iniziali di mezzi propri. In questi casi sarà sì difficile porre rimedio all’errore finanziario- patrimoniale legato al mancato rispetto delle esigenze della nascita e della crescita, ma è pur vero che, anche in presenza di tali errori, un progetto d’investimento economicamente valido permette di reperire le risorse finanziarie sul mercato. Individuare e valutare le componenti economiche e finanziarie della crisi aziendale è il primo obiettivo da raggiungere per impostare correttamente gli interventi di risanamento. Responsabile di tale compito è di chi governa l’azienda: per evitare che date situazioni critiche portino ad una crisi aziendale si rende necessario cogliere tempestivamente tali situazioni ed intervenire efficacemente. Ma nella realtà molto spesso accade che il management non si renda conto del progressivo deterioramento delle condizioni di gestione, che

Anteprima della Tesi di Alessandro Venza

Anteprima della tesi: Le crisi d'impresa e le problematiche di risanamento. Il tormentato processo di ristrutturazione del Banco di Napoli, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Venza Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6970 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.