Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il comportamento dei consumatori: la teoria economica e l’influenza dei fattori psicologici e sociali nelle dinamiche di formazione delle preferenze e nei processi decisionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione alto, tanto maggiore sarà conseguentemente la qualità percepita dal consumatore. Il prezzo potrà quindi essere giudicato alto o basso in relazione a se stesso, od in relazione all’insieme di riferimenti con gli altri prezzi. Stoetzel (1954), rileva come ogni consumatore disponga di un acceptable price range, una delimitazione verso l’alto e verso il basso del prezzo ritenuto accettabile per l’acquisto di un dato prodotto. A questo proposito, è interessante rilevare come un prodotto che si collochi ad un valore di prezzo superiore al limite massimo (troppo costoso), sia giudicato come un prodotto che offra più di quanto richiesto, mentre al contrario, un prodotto che si collochi al di sotto del limite minimo di prezzo (troppo economico) sia considerato dal consumatore come di bassa qualità, e quindi il suo acquisto non sarà desiderabile. Un’ulteriore prospettiva in relazione ai prezzi, viene fornita da Monroe (1979), il quale applica alla teoria delle scelte del consumatore la nozione dei prezzi di riferimento. Questi consisteranno nel prezzo che il consumatore si aspetterà di pagare per l’acquisto di un certo bene, e rientreranno sempre nel suo acceptable price range, se dovesse esisterne uno. I prezzi di riferimento possono essere di molteplici tipi: possono corrispondere al prezzo che il consumatore vorrebbe pagare, al prezzo che si paga solitamente, al prezzo che viene giudicato equo, oppure al prezzo che è stato corrisposto per il medesimo acquisto la volta precedente. La variabile costituita dal prezzo, che ricopre un forte ruolo nelle teorie economiche, viene relegata ad un livello secondario nelle teorie cognitive del comportamento dei consumatori, poiché non è quest’ultima considerata sufficiente a delineare i meccanismi che sottostanno i processi di decision making. Una teoria del consumatore che tenga conto delle componenti psicologiche e delle variabili sociali che influenzano il comportamento dei consumatori in quanto esseri umani, è dunque il punto d’arrivo verso il quale tendono molte delle recenti formulazioni derivate dalla 3

Anteprima della Tesi di Maurizio Cossalter

Anteprima della tesi: Il comportamento dei consumatori: la teoria economica e l’influenza dei fattori psicologici e sociali nelle dinamiche di formazione delle preferenze e nei processi decisionali, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Maurizio Cossalter Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9954 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.