Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il potere estero delle Regioni - Analisi della dottrina e della giurisprudenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 amministrativo, la Corte Costituzionale ha svolto il ruolo di arbitro in una sorta di selezione naturale delle attività estere delle Regioni. Attraverso una copiosa giurisprudenza, il potere estero regionale è venuto via via affermandosi, evolvendosi da un’iniziale mera tolleranza da parte dello Stato di alcune attività regionali all’estero, ad un riconoscimento, in capo alle Regioni, della titolarità di una certa gradazione di potere estero. Tenuto fermo un nocciolo duro di attribuzioni riservate allo Stato centrale (la determinazione delle linee di politica estera, la responsabilità internazionale e lo ius contrahendi), il resto è rientrato, attraverso questa lenta evoluzione pretoria e, in parte, normativa, nell’ambito d’azione delle Regioni: il potere estero regionale risulta così una procedura cooperativa, che prevede l’obbligo per la Regione di informare lo Stato e nel corrispondente dovere statale di motivare l’eventuale diniego allo svolgimento delle attività, fatta sempre salva la possibilità del ricorso al conflitto costituzionale per la verifica del rispetto dei limiti delle rispettive attribuzioni 3 . Si può pertanto ritenere che, ancor prima che la riforma del Titolo V della Costituzione riconoscesse loro un vero e proprio potere estero, le regioni proiettavano la loro attività al di fuori dei confini nazionali in un sistema che si basava sul principio della leale collaborazione con lo Stato. L’attribuzione di un potere estero ad un ente territoriale, quindi, ne proietta l’attività, o quanto meno una parte di essa, 3 F. Palermo, Titolo V e potere estero delle Regioni. I vestiti nuovi dell’imperatore, in Le Istituzioni del Federalismo. Bimestrale di studi giuridici e politici della regione Emilia Romagna, 5/2002.

Anteprima della Tesi di Marco Massimiliano Medaglia

Anteprima della tesi: Il potere estero delle Regioni - Analisi della dottrina e della giurisprudenza, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Massimiliano Medaglia Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3073 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.