Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il regime giuridico della pesca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I : IL REGIME GIURIDICO DELLA PESCA 22 deve relazionare con il regime delle acque. Già i romani facevano distinzione tra acque private dei piccoli laghi e i piccoli bacini, dove per scopi alimentari esisteva il diritto di prohibere la pesca, dichiarando il bacino di proprietà del Popolo 10 . Oggi invece si parla, nelle acque marine, di zona economica esclusiva, di mare territoriale, e tante altre zone funzionali-territoriali con diversi regimi che devono scontrarsi con le esigenze economiche dei pescatori e con le norme che riguardano la Pesca. Se è vero che non possiamo definire specificamente cosa sia il diritto di Pesca, è pur vero che si può prendere atto, comunque, che nel corso degli anni è cambiata la considerazione dell’opinione pubblica dello sfruttamento delle risorse biologiche naturali (al di là che queste siano marine, fluviali o di lago), ciò ha radicalmente cambiato l’approccio. Se lo ius piscandi nasce come diritto soggettivo, oggi è diventato un vero e proprio diritto legittimo, e inoltre ha acquisito enorme rilievo la parte oggettiva del diritto. Si può dire che questa trasformazione è avvenuta pienamente con l’articolo 4 della legge 17 febbraio 1982 n° 41 Piano di Programmazione. Esso recita: << Al fine di regolare lo sforzo di pesca sulla base della consistenza delle risorse biologiche del mare, il Ministro della Marina Mercantile può stabilire, tenuto conto delle indicazioni contenute nella prima parte del piano nazionale della pesca, il numero massimo delle licenze di pesca, suddivise a seconda delle zone di pesca, degli attrezzi utilizzati, delle specie catturabili, della distanza dalla costa e della potenza dell'apparato 10 G. LONGHENA, voce Regime giuridico della pesca ( Nuovo digesto italiano vol. IX, 1939, pag 102 )

Anteprima della Tesi di Mario Lombardi

Anteprima della tesi: Il regime giuridico della pesca, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mario Lombardi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2986 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.