Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il governo e i partiti italiani di fronte alla guerra del Golfo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Capitolo I: I partiti italiani prima del 2 agosto 1990 I/1 il Medio Oriente alla fine del bipolarismo: Nell’agosto del 1990 la situazione delle relazioni internazionali era in grande fermento. L’Unione Sovietica era al collasso, il muro di Berlino era caduto e la Germania stava compiendo rapidi passi verso la riunificazione. La questione tedesca era al centro dell’attenzione della politica estera degli Stati europei. I Paesi della comunità, sotto la presidenza italiana, stavano studiando un modo per vincolare assieme i loro destini, in modo da evitare che la futura Germania riunificata diventasse una sorta di “superstato” europeo capace di alterare gli equilibri, ormai consolidati, del Vecchio Continente. Nessuno, tranne Israele, faceva molta attenzione a ciò che succedeva fra l’Iraq e i suoi vicini. L’Iraq di Saddam Hussein, dittatore sanguinario, era un Paese apprezzato dagli occidentali e dall’URSS per la sua funzione di vera e propria barriera contro l’integralismo islamico del regime teocratico dell’Iran.

Anteprima della Tesi di Eugenio Di Pasquale

Anteprima della tesi: Il governo e i partiti italiani di fronte alla guerra del Golfo, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Eugenio Di Pasquale Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2027 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.