Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodi di simulazione storica per il calcolo del KiloVaR

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 - rischio operativo, definito in via residuale, riguarda le eventuali “perdite dirette o indirette derivanti da fallimenti o da inadeguatezza nei processi interni, dovuti sia a risorse umane sia a sistemi tecnologici (organizzativi, informativi o informatici), oppure derivanti da eventi esterni (incendi, furti)”[9]. In questa sede ci occuperemo del solo rischio di mercato e della sua gestione, in termini di misurazione e controllo, poiché chi svolge attività di intermediazione va spesso incontro a perdite su alcune posizioni che vanificano i risultati conseguiti. Il rischio di mercato ha guadagnato un alto profilo, in particolare, quando il Comitato di Basilea sul Controllo Bancario ha pubblicato “The Supervisory Treatment of Market Risk” (Aprile 1993), dove per la prima volta è stato annoverato tra i rischi finanziari, procedendo nel 1995 a darne la definizione: “il rischio di mercato va inteso come rischio di perdite nelle posizioni di bilancio e fuori bilancio a seguito di sfavorevoli movimenti dei prezzi di mercato.”[8] Nella pratica il rischio di mercato coincide con quello del portafoglio d’attività finanziarie e di strumenti derivati detenuti dalle banche per scopi di negoziazione. In generale alla categoria dei rischi di mercato si possono ricondurre tutti i rischi di fluttuazioni di valori di mercato delle posizioni creditorie e debitorie dell’intermediario finanziario, siano esse classificate come portafoglio di negoziazione, di tesoreria o immobilizzato. Sono due gli elementi che concorrono a determinare l’esposizione al rischio di mercato: l’ampiezza dei movimenti dei fattori di mercato e la sensibilità delle posizioni assunte al movimento di tali fattori. Utilizzando la suddivisione in fattori di rischio, promossa da Riskmetrics [41], che ricalca in tal senso quella proposta dal Comitato di Basilea, è possibile suddividere il rischio di mercato in quei fattori di rischio che generano variazioni nei valori delle posizioni in portafoglio quali il tasso di interesse, il tasso di

Anteprima della Tesi di Silvia Soldesti

Anteprima della tesi: Metodi di simulazione storica per il calcolo del KiloVaR, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Soldesti Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1955 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.