Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di combustione nei motori alternativi: sviluppo di procedure per lo studio delle emissioni di idrocarburi incombusti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- Introduzione - 8 collettivo, e tessere una rete di comunicazione veloce, urbana ed extra-urbana, percorribile solo dai mezzi pubblici. Gli sforzi profusi dallo Stato per ridurre l’utilizzo delle autovetture, non ha condotto ai risultati sperati, poiché il trasporto pubblico resta comunque disagevole, e poco pratico per l’utilizzo quotidiano, rispetto al comfort garantito dal trasporto su mezzo privato. La gestione del problema inquinamento è passata, quindi, all’industria automobilistica, che ha dovuto indirizzare gran parte delle energie del settore ricerca e sviluppo, alla progettazione di autoveicoli, con bassa capacità inquinante. Il know how del settore dei trasporti ha tracciato due grosse linee di tendenza nello sviluppo di tecnologie per l’abbattimento delle specie inquinanti. Una prevede una riduzione di tali sostanze in fase di formazione, riducendo i consumi specifici, e dunque la quantità di combustibile consumata, a parità di potenza erogata dal motore, o di chilometraggio effettuato (cfr. Tabella B, Tabella C, e Tabella D).

Anteprima della Tesi di Emanuela Foglia

Anteprima della tesi: Il processo di combustione nei motori alternativi: sviluppo di procedure per lo studio delle emissioni di idrocarburi incombusti, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Emanuela Foglia Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3771 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.