Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione e formazione: i percorsi di inserimento professionale degli immigrati nell'area romana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 All’interno di questo quadro la situazione dei nuovi paesi d’immigrazione dell’Europa del Sud appare particolarmente interessante. Accanto a nazioni storicamente configuratesi come mete di grandi flussi migratori, come la Francia e la Germania, sono comparsi altri paesi che, grazie allo sviluppo delle loro economie, hanno visto crescere rapidamente la percentuale di popolazione straniera residente. Portogallo, Italia, Spagna e Grecia si sono trasformati da “paesi d’uscita” a “paesi d’ingresso”. La crescita economica che ha interessato questi Stati, che nel secondo dopoguerra erano stati soggetti ad una forte emigrazione, e l’aumento del divario di ricchezza tra le economie occidentali e quelle dei Paesi in via di Sviluppo, hanno causato l’aumento di flussi di immigrati 3 . L’osservazione delle caratteristiche dei nuovi flussi migratori e le modalità di inserimento dei lavoratori immigrati nell’Europa meridionale, rispetto all’Europa settentrionale, hanno indotto diversi studiosi a parlare di “modello mediterraneo dell’immigrazione” 4 . Inizialmente questi paesi hanno continuato ad essere aree di emigrazione, anche dopo l’arrivo dei primi flussi migratori. Così, ad esempio, durante gli anni Ottanta l’emigrazione dal Portogallo è rimasta costante, mentre si è significativamente ridotta in Italia e in Spagna; invece l’emigrazione dalla 3 Cfr. ISFOL, Il lavoro degli immigrati: programmazione dei flussi e politiche di inserimento, Franco Angeli, Milano, 2001, p. 71. 4 Cfr. Carchedi F. (a cura di), La risorsa inaspettata. Lavoro e formazione degli immigrati nell’Europa mediterranea, Ediesse, Roma, 1999, p. 22.

Anteprima della Tesi di Claudia Antonini

Anteprima della tesi: Immigrazione e formazione: i percorsi di inserimento professionale degli immigrati nell'area romana, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Claudia Antonini Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6409 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.