Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Tribunale Internazionale del Diritto del Mare: le prime sentenze

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

106 292, comma 4, della Convenzione che ha la finalità principale di disporre il momento iniziale dell’efficacia obbligatoria della decisione relativa al rilascio di una nave o alla messa in libertà del suo equipaggio. Pur tuttavia, il requisito della “ragionevolezza” della cauzione o della garanzia finanziaria fissata dal Tribunale internazionale del diritto del mare (così come da una qualsiasi altra corte internazionale competente in base alla Convenzione) è da ritenere implicito in una lettura sistematica dell’art. 292. 79 L’ultimo comma dell’art. 292 infine, nel prevedere che la cauzione o la garanzia finanziaria sia determinata dal Tribunale internazionale del diritto del mare (o più in generale dalla corte o dal tribunale competente in base all’art. 292 medesimo) e non disponendo alcunché in merito al suo ammontare, poiché l’oggetto della decisione è costituito dall’esame dell’eventuale violazione delle disposizioni della Convenzione relative al pronto rilascio della nave o della liberazione del suo equipaggio, dietro il versamento di una ragionevole cauzione o di una garanzia finanziaria, richiede che il 79 In tal senso, Cannone, op. cit. p. 125.

Anteprima della Tesi di Franco Lento

Anteprima della tesi: Il Tribunale Internazionale del Diritto del Mare: le prime sentenze, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Franco Lento Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6670 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.