Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo / Aiuto allo sviluppo e aiuto umanitario _______________________________________ ________________________________________ 5 ~ Capitolo primo ~ AIUTO ALLO SVILUPPO E AIUTO UMANITARIO 1 - POLITICA DI AIUTO ALLO SVILUPPO 1.1 - EVOLUZIONE GIURIDICA DELLA POLITICA DI AIUTO ALLO SVILUPPO 'inserimento della politica di cooperazione allo sviluppo nel Trattato della Comunità Europea è stato il frutto di un lungo processo dell'azione comunitaria nei confronti dei paesi in via di sviluppo nel corso di quasi trent'anni, a partire dalle poche e generiche affermazioni contenute nel Preambolo in ordine alla «Solidarietà che lega l'Europa ai paesi d'oltremare» e alla necessità di «Assicurare lo sviluppo della loro prosperità conformemente ai principi dello Statuto delle Nazioni Unite», fino ad arrivare all'inserimento nel Trattato della politica di aiuto allo sviluppo. Nessun articolo del Trattato istitutivo prevedeva espressamente una politica di cooperazione allo sviluppo. Le uniche norme sul tema erano contenute negli artt.3.s (ex art.3.k), 182-188 (ex artt.131-136) e 310 (ex art.238). L'art.3s si limita ad annunciare «L'associazione dei paesi e territori d'Oltremare, intesa ad incrementare gli scambi e proseguire in comune nello sforzo di uno sviluppo economico e sociale». Gli artt.182-188 (ex artt.131-136) ne disciplinavano (e ne disciplinano tuttora) l'attuazione. L'inserimento di questi articoli nel Trattato fu una precisa richiesta della Francia che ne fece una condicio sine qua non della sua adesione alla Comunità. L'interesse della Francia era quello di conservare legami privilegiati con i suoi Dipartimenti d'Oltremare e, al tempo stesso, di attenuare l'onere degli aiuti a quei paesi. L'attuale art.182 stabilisce che «Scopo dell'associazione è di promuovere lo sviluppo economico e sociale dei paesi e territori e l'instaurazione di strette L

Anteprima della Tesi di Serena Sartini

Anteprima della tesi: L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Sartini Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6745 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.