Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo / Aiuto allo sviluppo e aiuto umanitario _______________________________________ ________________________________________ 9 indipendenza proprio sul finire degli anni '50. Tuttavia, l'indipendenza politica non è mai andata di pari passo con quella economica e la situazione di dipendenza dai paesi occidentali e industrializzati permase piuttosto accentuata. Proprio su questa linea direttrice prese avvio la prima fase di politica di cooperazione della CEE con i Paesi ACP. Nel 1963, 18 paesi, tutti francofoni (ad eccezione della Somalia) e tutti africani (ad eccezione del Madagascar) siglarono a Yaoundè una Convenzione di associazione CEE-SAMA 6 (Stati africani e malgascio associati), imperniata su tre elementi fondamentali: • la creazione di una zona di libero scambio, per consentire l'accesso dei prodotti di base al mercato europeo; • l'aiuto finanziario e tecnico, erogato sia mediante aiuti della Comunità stessa, sia mediante aiuti bilaterali concessi dai singoli Stati membri; • la costituzione di istituzioni paritetiche, usate a livello parlamentare e ministeriale (Consiglio di associazione, Conferenza parlamentare, Corte arbitrale). Rinnovata nel 1969, la II Convenzione di Yaoundè 7 fu sostituita nel 1975 dalla Prima Convenzione di Lomè 8 , sottoscritta anche dagli Stati dei Caraibi e del Pacifico, legati alla Gran Bretagna. La Convenzione di Lomè fu rinnovata nel 1980 (II), 1985 (III) e 1990 (IV) 9 . 6 I Convenzione di Associazione tra la CEE e gli Stati africani e malgascio associati a tale Comunità, firmata a Yaoundè il 20 luglio 1963, in GUCE L93 dell'11.06.1964, p.1431 non più in vigore. Gli Stati che fanno parte della Convenzione sono: Alto-Volta Burundi, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Congo (Brazzaville), Congo (Léopoldville), Costa d'Avorio, Dahomey, Gabon, Madagascar, Mali, Mauritania, Niger, Ruanda, Senegal, Somalia, Togo. Fonte: BRAYER G., "Europe- Tiers monde. Lomè. Une novelle coopération douanière?", Tome XLVII, Paris, Libraire général de droit et de jurisprudence, 1989, nota 1, p.50. 7 II Convenzione di Associazione tra la CEE e gli Stati africani e malgascio associati a tale Comunità, firmata a Yaoundè il 29 luglio 1969, in GUCE L282 del 28.12.1970, p.2 non più in vigore. 8 First ACP-EEC Convention signed at Lomè on 28 February 1975. Per la versione integrale del testo cfr. www.acpsec.org/gb/lome/lome1.htm. 9 II Convenzione ACP-CEE firmata a Lomè il 31 ottobre 1979, in GUCE L347 del 22.12.1980, p.161. III Convenzione ACP-CEE firmata a Lomè l'8 dicembre 1984,in GUCE L86 del 31.3..1986, pp.1-208. Cfr. inoltre Special Issue, in "The Courier ACP", n.89, January-February 1985, p.85. Per la versione integrale del testo cfr. www.acpsec.org/gb/lome/lome3e.htm. Quarta Convenzione ACP-CEE firmata a Lomè il 15 dicembre 1989, in GUCE L229 del 17.8.1991,pp.3-280. Cfr. inoltre "The Courier ACP", n.120 March-April, 1990. Per la versione integrale del testo www.acpsec.org/gb/lome/lome4_e.htm.

Anteprima della Tesi di Serena Sartini

Anteprima della tesi: L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Sartini Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6746 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.