Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Differenziazione neuronale di cellule mononucleate umane derivate da sangue periferico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 loro lasciando i tubi e assumendo una rotta migrazionale radiale. In questo modo raggiungono i tratti più superficiali del bulbo olfattivo e differenziano terminalmente in neuroni granulari e perigranulari. I tubi gliali sono composti da una varietà particolare di astroglia che esprime sia marcatori di astrociti maturi come la proteina gliale fibrillare acida (GFAP) sia proteine citoscheletriche come Nestina e Vimentina (Peretto 1997, Peretto 1999). Non si conosce il ruolo che l’astroglia ricopre: si può ipotizzare che possano agire da barriera per prevenire che i neuroblasti si allontanino dalla corretta direzione migrazionale (Peretto 1999). E’ noto tuttavia che secernono fattori che facilitano il processo (Mason 2001). Questa regione cerebrale nella zona subventricolare, in analogia funzionale e strutturale con il midollo osseo emopoietico, è stata da alcuni denominata ‘midollo cerebrale’. Come nel midollo osseo avviene il processo di emopoiesi nell’età adulta, allo stesso modo avviene anche il processo di neuropoiesi. Si trovano delle caratteristiche comune ad entrambi i ‘midolli’: vi si trovano infatti 1) cellule staminali progenitrici in proliferazione 2) linee cellulari che assumono un ruolo stromale 3) matrice extracellulare che modula la proliferazione, il differenziamento e la migrazione. Nel midollo emopoietico le cellule stromali mesenchimali sono note per agire da interfaccia tra il sangue periferico e le cellule staminali midollari nonché per dare supporto trofico alle ultime. Allo stesso modo gli astrociti e le cellule ependimali della SVZ possono essere assimilate al ruolo di stroma del midollo cerebrale grazie alla loro capacità di produrre molecole come proteine morfogenetiche ossee che influenzano il destino gliale o neuronale delle CSN (Lim 2000). In aggiunta a questo, le matrici extracellulare di entrambi i midolli producono fattori che controllano la proliferazione, il differenziamento e la migrazione delle cellule progenitrici (Jankovski 1996, Steindler 1996, Scheffler 1999, Yoder 1995).

Anteprima della Tesi di Fabio Capra

Anteprima della tesi: Differenziazione neuronale di cellule mononucleate umane derivate da sangue periferico, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Fabio Capra Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2851 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.