Le regole in Internet: netiquette, autoregolamentazione, deontologia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

X A conclusione di questo viaggio nel mondo di Internet e delle sue regole, si approda all’aspetto forse più evoluto delle forme di regolamentazione elaborate dall’uomo: la deontologia. Deontologia, infatti, è sì l’insieme delle regole morali che disciplinano l’esercizio di una professione ma, prima ancora, è la teoria del filosofo e giurista inglese Jeremy Bentham che pone l’origine e il fine della morale e del diritto nel principio utilitaristico secondo cui “il bene è la maggior felicità del maggior numero”. Non deve stupire, quindi, che il Decreto Legislativo n. 196 del 27 giugno 2003, per esempio, preveda la redazione di un codice di deontologia e buona condotta per la tutela dei dati personali in Internet, volto a uniformare tutte quelle regole comporta- mentali che ciascun operatore o gestore di siti si dà per disciplinare il rapporto con gli utenti. Anche nell’ambito del commercio elettronico, che pure può contare sulle consuetudini della lex mercatoria, è necessario fissare delle norme di condotta perché, come da sempre avviene, gli scambi commerciali si basano anche sulla fiducia la quale merita senz’altro di essere tutelata. Vedremo, quindi, cosa è stato fatto a livello euro- peo, nazionale e quali sono le proposte di organizzazioni internazionali come l’OCSE. Ma se è meritevole di particolare tutela il commercio, ancora di più lo sono gli utenti, specialmente se impreparati o parti deboli nei confronti dell’aggressività della Rete come è il caso dei minori. A causa della facilità di accesso a contenuti osceni e/o violenti, a causa dei sempre più frequenti casi di adescamento minorile su Internet e anche per arginare il fenomeno della pedo-pornografia, è stato elaborato in Italia un codice di condotta avente lo scopo di responsabilizzare gli operatori della Rete e di creare un sistema di accesso regolato in grado di proteggere i minori dalle insidie, tuttaltro che virtuali, che emergono durante la “navigazione”. Infine, alla luce delle modifiche apportate al Codice Deontologico Forense, con particolare riferimento agli artt. 17 e 18, si è ritenuto opportuno dedicare spazio al rapporto tra la professione forense ed Internet. A tale riguardo si farà riferimento anche ad uno studio che dimostra come la maggior parte degli avvocati italiani che ha deciso di aprire spazi sul web sia decisamente irrispettosa delle regole deontologiche.

Anteprima della Tesi di Matteo Zevola

Anteprima della tesi: Le regole in Internet: netiquette, autoregolamentazione, deontologia, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Matteo Zevola Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3088 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.