Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una rivista vittoriana inglese: Household Words

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Zoological costavano uno scellino e le già citate riviste delle chiese venivano vendute al prezzo di sei pence 16 . Nei decenni successivi l’aumento generale dei prezzi colpì anche i periodici, cosicché alcune delle riviste più diffuse erano fuori dalla portata della maggior parte dei lettori. Ormai ad eccezione dei mensili religiosi, solo giornali miscellanei di scarsa qualità prodotti da piccoli librai potevano dirsi a buon prezzo. Questi giornali economici di breve durata erano composti soprattutto di estratti scollegati e non autorizzati di libri, di ritagli di letteratura di ogni genere, di vecchi racconti e di facezie di uso comune. I loro stessi nomi in buona parte dei casi sono noti solo agli specialisti e ne rimangono poche collezioni. Tipico esempio di questo genere di giornale fu il Cheap Magazine di George Miller. La sola iniziativa che durò più di qualche stagione fu il Mirror of Literature, Amusement and Instruction, di Limbird, che venne definito, dopo la sua morte, “il padre della letteratura periodica inglese 17 ”. Il giornalismo radicale, con la pace del 1815, si rianimò sotto la guida di William Cobbett e del suo Political Register 18 . Questi si impadronì rapidamente della tecnica di scrittura adatta 16 Altick, Richard, Daniel, The English Common Reader, op. cit., pp. 318-319. 17 John Limbird era un cartolaio dello Strand, oltre che del Mirror fu editore anche di romanzi brevi che vendeva a soli sei pence in un periodo in cui i prezzi dei libri erano ai massimi livelli storici. Per questo fu ostacolato dalle case editrici maggiori in tutte le sue iniziative nel campo dell’editoria economica e boicottato nelle zone rurali da quasi tutti i rivenditori di libri, finché fu costretto a vendere la sua merce attraverso tutti gli sbocchi che riusciva a trovare (a Manchester ad esempio, l’unico che trattava i suoi libri era uno stagnaio ambulante). 18 Questo giornale settimanale venduto a uno scellino e mezzo sorto nel 1802 con orientamento Tory era ora invece dalla parte delle classi lavoratrici.

Anteprima della Tesi di Elena Bossi

Anteprima della tesi: Una rivista vittoriana inglese: Household Words, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elena Bossi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4362 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.