Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Opportunità di crescita delle Pmi e private equity

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I-Aspetti strategici e teorici relativi alle scelte finanziarie delle imprese 7 qualità soggettiva del prestatore, ricevono spesso un trattamento “ibrido” 8 . In ogni caso, oltre alle differenze evidenziate poc’anzi, il ricorso al capitale di rischio richiede un sistema di mercati, istituzioni e intermediari finanziari in grado di mitigare le asimmetrie informative 9 che si vengono a creare tra emittenti e investitori e di ridurre quanto più possibile i costi di transazione relativi allo scambio dei capitali (Chesini, 2000, p. 15). Un’altra importante distinzione che deve essere fatta tra gli strumenti a disposizione dell’azienda è inerente la natura degli strumenti stessi (Gervasoni (a cura di), 2000, p. 39). Essi possono essere: - contratti creditizi - titoli mobiliari I primi sono riconducibili prevalentemente ai contratti di natura bancaria come l’apertura di credito, lo sconto degli effetti, gli anticipi su fatture i mutui ipotecari e i contratti di leasing, mentre i secondi sono riconducibili al più ampio sistema del mercato finanziario e saranno oggetto di trattazione approfondita nel corso del presente lavoro. Finora non è stata affrontata un’altra importante tematica inerente le decisioni di finanziamento, ovvero l’aspetto temporale. E’ noto che le attività delle imprese assumono diverse scadenze temporali, in particolare risultano essere a lungo o a breve termine. E’ importante quindi che le 8 La questione risulta tutt’ altro che esaurita. La presente dissertazione in materia di strumenti ibridi dovrebbe portare a una discussione che può essere articolata in più punti: quale spazio può essere lasciato all’ autonomia negoziale in materia di azioni che limitano alcuni diritti? Che tipo di limiti dovrebbero essere posti all’ emissione di titoli obbligazionari ibridi e che tipo di interferenza si viene a creare con la regolazione e il trattamento del capitale? Non ci sembra questo il luogo adatto per trovare delle risposte a tali domande e pertanto si rimanda, per un’ analisi approfondita della tematica a: LAMANDINI M., op. cit. e a TOMBARI U., op. cit. 9 Le problematiche relative alle asimmetrie informative e alla Agency Theory verranno analizzati più avanti nel corso del lavoro. Si veda il par. 3 del presente capitolo.

Anteprima della Tesi di Riccardo Roesstorff

Anteprima della tesi: Opportunità di crescita delle Pmi e private equity, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Roesstorff Contatta »

Composta da 262 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13920 click dal 10/05/2005.

 

Consultata integralmente 55 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.