Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hans Fallada e il suo ''Kleiner Mann, was nun?'' nel 2003. Una traduzione rivisitata

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Wendhausen e le musiche eseguite dai Comedian Harmonists. L’anno successivo compare ad Hollywood il film di Frank Borzage 10 . In questi ultimi due romanzi l’autore inizia ad usare lo pseudonimo di Hans Fallada, ispirandosi alla fiaba dei fratelli Grimm Die Gänsemagd 11 : si tratta del nome di un saggio cavallo parlante, che a causa di questa sua prodigiosa facoltà viene decapitato; la sua testa, appesa alla porta di una città, continua però a dire tristi verità. Grazie al benessere economico raggiunto con le sue due opere Fallada si trasferisce con la famiglia a Carwitz, nel Mecklenburg, dove scrive il maggior numero di opere narrative, spaziando da romanzi prettamente realistici ad autobiografie e persino a libri per bambini, come Chi c’è stato una volta…” 12 , un romanzo sulla condizione carceraria, Aspettavamo un bimbo 13 , entrambi del 1934. Con “Das Märchen von Stadtschreiber, der einmal aufs Land flog“ (1935) e “Hoppenpoppel, wo bist du?“ (1936) Fallada rinuncia ad una chiara presa di posizione in questioni politiche, probabilmente per continuare indisturbato la sua attività letteraria e non essere vittima della censura attuata dal Ministero della Propaganda Nazionalsocialista. 10 Frank Borzage (1893-1962), regista degli anni Venti e Trenta, sensibile narratore di casi individuali e fine osservatore della vita di coppia. Si dedicò molto alla traduzione cinematografica di romanzi. Oltre a Little Man, What now? del 1933, si ricordano A farewell to arms (1932) tratto da Ernest Hemingway e No greater Glory (1933), trasposizione cinematografica de I ragazzi della via Paal di Ferenc Molnàr. 11 La guardiana di oche, in Jacob Grimm, Le fiabe del focolare, Torino, Einaudi, 1951, pp. 380-385. 12 Titolo originale Wer einmal aus dem Blechnapf frißt, trad. di Bruno Revel. Milano, Mondadori, 1935. 13 Titolo originale Wir Hatten mal ein Kind. Trad. di Bruno Revel, Milano, Mondadori, 1938.

Anteprima della Tesi di Sabrina Del Buono

Anteprima della tesi: Hans Fallada e il suo ''Kleiner Mann, was nun?'' nel 2003. Una traduzione rivisitata, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Sabrina Del Buono Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1276 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.