Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili critici della patrimonializzazione degli intermediari assicurativi e creditizi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

i due rami le diverse categorie di rischio. La formula mira ad individuare il capitale minimo necessario ad una compagnia per sostenere la sua attività complessiva in funzione della quantità e della natura dei rischi assunti; per ciascun rischio viene determinato il requisito patrimoniale di copertura e si determinano i diversi livelli di intervento dell’autorità di vigilanza. La formula non si limita a sommare le componenti di RBC determinata per ciascuna categoria di rischio ma opera una compensazione sul presupposto che non tutti i rischi possono causare perdite contemporaneamente. I limiti del RBC consistono essenzialmente nella difficoltà di determinare i pesi per le differenti tipologie di rischio considerate nella formula, nella mancata discriminazione per il fattore dimensionale e nella possibilità che il management dell’impresa di assicurazione decida di uscire da un business redditizio ma più rischioso in quanto per lo stesso sono previsti livelli di patrimonializzazione più elevati. Nell’ultima parte del 3° capitolo si passa ad una breve analisi del sistema Canadese il quale, per il calcolo del requisito minimo permanente per i fondi propri, mutua dall’ RBC americano il principio della scomposizione per il rischio, con leggere differenze nei rischi coperti e nel fatto che il requisito patrimoniale corrisponde alla semplice somma dei requisiti di ciascun rischio. Nel quarto capitolo si dà risalto all’adeguatezza del capitale nelle istituzioni creditizie e si analizzano i fondamenti della regolamentazione prevista dall’Accordo di Basilea del 1988. Tale accordo ha proposto l’adozione di un sistema di requisiti di capitale uniformi per le banche attive a livello internazionale in quanto le differenze fra i sistemi di regolamentazione del capitale nei diversi paesi creavano condizioni di

Anteprima della Tesi di Pasquale Ferricelli

Anteprima della tesi: Profili critici della patrimonializzazione degli intermediari assicurativi e creditizi, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pasquale Ferricelli Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2961 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.