Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politiche del lavoro e dimensione locale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 fallimenti del mercato e a migliorare le moderne pratiche industriali 3 . [Polanyi, 1984] Ebbene, vissuto il suo periodo aureo questo sistema organizzativo è entrato una prima volta in crisi a seguito del tracollo del mercato immobiliare negli anni ’60. Infatti, le imprese diedero impulso ad un’ondata di ristrutturazioni volte ad aumentare le proprie capacità di reattività e d’innovazione, caratteristiche necessarie per poter far fronte alle sopravvenute difficoltà di gestione delle immobilizzazioni economiche a lungo termine e degli investimenti su larga scala, che presuppongono un mercato in continua espansione, e per sopperire alle rigidità strutturali del mercato del lavoro, sia dal punto di vista dell’allocazione della forza lavoro sia da quello della contrattazione [Hobsbawn, 1995]. Negli ultimi decenni la crisi del sistema organizzativo fordista si è accentuata e si è dunque avviato un periodo di transizione storica attualmente ancora in corso, il cui inizio può essere collocato cronologicamente a ridosso dello shock petrolifero del 1973 4 , che ha evidenziato un profondo ed irreversibile mutamento della società occidentale e, in particolare, del mondo del lavoro. L’economista Pierre Veltz individua, quali principali fenomeni di cambiamento dei principi di organizzazione aziendale connotanti questo 3 L’insieme di questi elementi costituisce il cosiddetto modello di welfare fordista- keynesiano. 4 Con l’aumento del costo del greggio deciso dall’OPEC e il blocco delle esportazioni dei paesi arabi durante la guerra arabo-israeliana si ha quello che Hobsbawm ne “Il Secolo Breve” definisce l’inizio della prima recessione postbellica. Periodo che, pur non registrando il crollo dell’economia mondiale, almeno nei paesi occidentali, segnala il ritorno di problematiche che, sempre secondo l’Autore, erano state eliminate durante la cosiddetta età dell’oro (1950/1970): la disoccupazione nelle aree della Comunità Europea sale dagli anni ’60 agli anni ’70 dal 1,5% al 4,2%; si susseguono periodi di interruzione della crescita economica (1973/75; 1980/82; fine anni ’80); cresce la disuguaglianza economica e sociale.

Anteprima della Tesi di Alessia Micaela Fracchia

Anteprima della tesi: Politiche del lavoro e dimensione locale, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessia Micaela Fracchia Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4537 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.