Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattati contrari a norme di jus cogens

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 semplicemente badare al fatto che rispetti una norma internazionale consuetudinaria, che gli Stati possono modificare nelle loro relazioni reciproche, ma bisogna porre attenzione a che rispetti quegli overriding principles of international law considerati come principi costitutivi dell’ ordine pubblico internazionale da rinvenirsi in principi di moralità internazionale 14 . Successivamente il terzo relatore speciale ( Fitzmaurice ), nella sua terza relazione (1958), affermò che una causa di invalidità di un trattato si aveva quando il trattato si allontani o contrasti con norme di diritto internazionale assolute ed imperative aventi la natura dello jus cogens. Fitzmaurice, anziché nulli, considerava i trattati contrari allo jus cogens inapplicabili. Fitzmaurice e Lauterpacht combinarono approcci di diritto positivo con approcci di diritto naturale. Nessun riferimento al diritto naturale fece a contrario il quarto relatore speciale (Waldock), il cui ruolo fu di primaria importanza per l’ opera della ILC. Infatti i suoi progetti di articoli ( 1963) furono la base del progetto finale dell’ art. 50 redatto 14 Hannikainen, Peremptory Norms(Jus Cogens)in International Law, Jyvaskyla, 1988, pagg. 157 - 158

Anteprima della Tesi di Angelo Palmeri

Anteprima della tesi: Trattati contrari a norme di jus cogens, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angelo Palmeri Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6158 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.