Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1. I Principali Metodi di Valutazione d’Impresa 10 In letteratura è stato però evidenziato un limite della formula proposta da Guatri: essa, infatti, non rispetta il requisito dell’obiettività, dal momento che i flussi di dividendo prospettici e il prezzo finale dell’azienda sono incerti e largamente imprevedibili. In sintesi, si può affermare che il valore del capitale economico di un’impresa è il frutto di una stima, che viene ripetuta periodicamente ed è basata su una varietà di criteri e metodi che possono condurre a risultati sostanzialmente diversi. Il prezzo, invece, è la risultante di una negoziazione o di una serie di negoziazioni: se esse si verificano frequentemente (come accade per le società quotate) si ha una serie continua di prezzi nel tempo; in caso contrario, ad esempio per le quote di controllo del capitale, si hanno prezzi che sono stabili per lunghi intervalli di tempo. Si può, quindi, concludere che il prezzo non esprime una valutazione del capitale d’impresa (anche se, talvolta, i prezzi di aziende similari possono assumere significato nella stima di un’azienda, attraverso appropriati confronti). È, invece, necessario disporre di metodologie per la stima del valore del capitale economico d’impresa. I metodi di stima più utilizzati in letteratura sono quelli reddituali, in particolare quello finanziario, radicato soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, quello basato sulle opzioni reali ed i metodi relativi. Nella restante parte del capitolo, verranno presentati i diversi metodi di valutazione, a partire da quello di più semplice applicazione, ossia quello della valutazione relativa attraverso i multipli dei fondamentali d’impresa, per poi arrivare al metodo DCF, che è il più utilizzato in letteratura, al metodo EVA, ed infine al metodo delle opzioni reali. È opportuno osservare che, ai fini del nostro lavoro di tesi, il metodo più rilevante è quello dei multipli, in particolare quelli del valore di libro. Attraverso l’analisi di tali indici, infatti, è possibile ottenere una proxy del valore delle risorse intangibili.

Anteprima della Tesi di Francesca Piazzini

Anteprima della tesi: Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesca Piazzini Contatta »

Composta da 298 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3404 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.