Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuove espansione produttiva come effetto indotto del prolungamento della A31 Valdastico Sud. Uno studio territoriale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Istituto Universitario di Architettura di Venezia Corso di Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale La nuova espansione industriale come effetto indotto del prolungamento della A31 Valdastico:uno studio territoriale _____________________________________________________________________________________________________ 18 all’interno della piccolissima industria, quasi a conduzione familiare. Accanto alle attività tradizionali (e cioè le industrie del mobile, della lana, delle calzature,ecc.) nasce e si sviluppa un nuovo settore: quello meccanico, che localizza i suoi stabilimenti nelle immediate vicinanze dei poli maggiori. Questa diffusione capillare sul territorio delle imprese ha provocato degli effetti importanti: una sempre maggiore dotazione infrastrutturale (le industrie necessitano di luoghi facili da raggiungere e ben collegati con il resto del territorio e con i servizi), un consumo del suolo sfrenato, un paesaggio agrario sempre meno valorizzato e trasformato anch’esso dalle nuove tecnologie;di conseguenza, nemmeno la campagna sfugge ad una impostazione economica e aziendale della produzione. Dagli anni ‘70 la tendenza registra una drastica caduta dei tassi di natalità: le conseguenze sono una stasi iniziale della popolazione e in seguito l’inevitabile rallentamento della crescita demografica. Si assiste quindi ad un progressivo invecchiamento della popolazione. Questa inversione del trend demografico porta perciò a dei cambiamenti notevoli nel modo di pensare alle politiche future, in quanto cambiano le necessità di servizi delle persone e influenza anche il mercato del lavoro. Da qui, la necessità evidenziata dalla Regione Veneto, che “il necessario e auspicabile processo di ammodernamento, avanzato e continuo degli insediamenti, della rete relazionale e di trasporto, delle strutture produttive, dei diversi settori economici e dei servizi, possono e debbono procedere da criteri di compatibilità ambientale e il nuovo scenario demografico, unitamente alla domanda di qualità del vivere che la società esprime, costituiscono il quadro di riferimento per le soluzioni da ricercare e progettare” (P.T.R.C. Veneto, 3.2.1 “Le tendenze demografiche e socio-economiche”). Non più quindi un’espansione che risponde a criteri quantitativi, ma un’attenzione per l’ambiente e la propensione all’ammodernamento delle strutture, più che ad un aumento: la popolazione veneta chiede la qualità del vivere.

Anteprima della Tesi di Irene Moretto

Anteprima della tesi: La nuove espansione produttiva come effetto indotto del prolungamento della A31 Valdastico Sud. Uno studio territoriale, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Pianificazione del Territorio

Autore: Irene Moretto Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1417 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.