Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione politica di Forza Italia e del suo leader Silvio Berlusconi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 In realtà, andando più indietro nel tempo, come fa, ad esempio, Mazzoleni (1998), possiamo far risalire la nascita della comunicazione politica ai tempi dell’antica Grecia, legandola all’affermazione della filosofia classica nel V-IV secolo a.C. Autori come Platone e Aristotele già si erano posti il problema della definizione e legittimazione dell’autorità e del potere e della capacità persuasoria del discorso politico sui cittadini riuniti nell’agorà della polis. Ma, ancora prima, furono soprattutto i sofisti a dimostrare la straordinaria potenza della retorica che, in quanto arte della parola e del discorso o logos, poteva essere utilizzata per rendere vera anche la tesi più paradossale (eristica) e che, proprio per la sua capacità persuasiva, era considerata essenziale per dominare le assemblee popolari e ottenere incarichi pubblici. Uno dei più illustri sofisti e maestri di retorica, Gorgia, sosteneva che la funzione del discorso non è quella di dire il vero in sé, che non esiste, ma di produrre nell’animo la persuasione. Secondo Sini (1986): “La parola, dice Gorgia, pur essendo un corpo piccolissimo e invisibile, è la grande dominatrice della vita degli uomini; essa calma la paura, elimina il dolore, suscita la gioia, aumenta la pietà. La retorica di Gorgia, più che educativa, è perciò ‘magica’, fondata su poteri estetici più che logici”. Ce lo dimostrano ad esempio i discorsi paradossali di questo sofista, capace persino, attraverso un raffinato gioco dialettico, di difendere Elena contro tutta la tradizione che l’accusava di aver tradito Menelao e i greci scatenando la guerra di Troia. In seguito vedremo come la retorica, intesa in senso sofistico come arte della persuasione, suscitatrice di passioni, emozioni e illusioni, continui a essere protagonista della comunicazione politica contemporanea, a più di 2500 anni dalle sue prime formulazioni. Ritornando alla ricostruzione storiografica delle origini della comunicazione politica, la retorica venne successivamente ereditata dai romani che ne fecero uso nelle numerose elezioni che si tennero durante il periodo repubblicano, quando furono persino elaborati dei prototipi degli odierni manifesti elettorali disegnati sulla pietra e Cicerone predispose un manuale di comunicazione politica, il Commentariolum petitionis, anticipando di svariati secoli quella professionalizzazione che è uno dei tratti più tipici delle campagne elettorali contemporanee, condotte frequentemente in base ai consigli e suggerimenti di esperti di marketing e immagine.

Anteprima della Tesi di Laura Mingioni

Anteprima della tesi: La comunicazione politica di Forza Italia e del suo leader Silvio Berlusconi, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Mingioni Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11162 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.