Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fusione nella riforma del diritto societario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Per quanto riguarda, invece, lo specifico ambito delle fusioni, l’indicazione contenuta nella legge-delega di “semplificare e precisare il procedimento” doveva coniugarsi, oltre che con le istanze provenienti dalla pratica e dal dibattito interpretativo nazionale ed internazionale, con l’esigenza di rispettare i vincoli di derivazione comunitaria (e, in particolare, quelli imposti dalla direttiva 78/855/CEE del 9.10.1978, cui – nel nostro Paese – è stata data attuazione con il D. Lgs.16 gennaio 1991, n. 22). Si è così ritenuto di operare su due piani 14 : 1. da un lato – per quanto riguarda le fusioni cui partecipano società il cui capitale è rappresentato da azioni (alle quali si applicano le previsioni della sopra menzionata direttiva comunitaria) – sfruttando, al fine di “semplificare e precisare il procedimento”, taluni margini consentiti dalla direttiva stessa e non “sfruttati” dal D.Lgs. n. 22/1991; 2. da altro lato – per quanto riguarda le fusioni cui, invece, non partecipano società il cui capitale è rappresentato da azioni (alle quali non trovano applicazione le previsioni della sopra menzionata direttiva comunitaria) – derogando altresì, sempre al fine di “semplificare e precisare il procedimento”, a talune indicazioni previste come tassative dalla direttiva stessa. Alla luce di quanto esposto, costituiscono elementi di novità: - L’eliminazione del divieto di partecipare alle operazioni di fusione, posto in capo alle società sottoposte a procedure concorsuali. - L’introduzione della possibilità di modificare il progetto di fusione in sede di approvazione della fusione stessa. - Il contemperamento tra l’esigenza di celerità del procedimento di fusione e quella di tutela dei creditori sociali. - La previsione di procedure semplificate per due distinti casi: 1) L’incorporazione di società interamente possedute; 2) L’incorporazione di società possedute al 90%. - L’introduzioni di numerose altre deroghe, per le fusioni cui non partecipano società con capitale rappresentato da azioni. 14 Relazione accompagnatoria al D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6.

Anteprima della Tesi di Monica Sari

Anteprima della tesi: La fusione nella riforma del diritto societario, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Monica Sari Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9797 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 49 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.