Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Visualizzazione ed elaborazione di ontologie: un'applicazione per la selezione di strumenti di data mining

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Le Ontologie 7 dominio possono essere condivisi in più ambiti applicativi arricchendo di semantica la conoscenza da modellare. Con l’affermarsi delle possibilità di comunicazione in rete e col crescere dei costi dell’acquisizione della conoscenza, le problematiche relative all’accesso integrato ad informazioni eterogenee e alla condivisione e riutilizzazione di conoscenze hanno assunto un’importanza sempre maggiore. In questa prospettiva, il valore aggiunto di una base di conoscenza non è più solo legato alla particolare applicazione per cui tale base di conoscenza è stata costruita, ma cresce in funzione della sua riutilizzabilità e delle possibilità di essere integrata con altre fonti di conoscenza. Da notare che non è detto che questo processo di integrazione debba funzionare in modo completamente automatico, mediante riuso del codice e/o scambi di messaggi; ciò che conta soprattutto è la trasparenza semantica di una base di conoscenza, che rende possibile al progettista una decisione ragionata circa l’opportunità dell’integrazione. Lì dove invece il processo di integrazione avviene in modo automatico, è necessario postulare una comune interpretazione delle primitive utilizzate. In entrambi i casi, gli aspetti di natura ontologica giocano un ruolo fondamentale. Si tratta di tenere conto, nell’attività di modellazione concettuale e nella specifica formale della semantica di una base di conoscenza, della necessità di definire quelli che sono i modelli intesi di un certo linguaggio, precisando le assunzioni ontologiche implicite nel vocabolario utilizzato per denotare concetti, relazioni, attributi. Tali modelli intesi, a loro volta, andrebbero caratterizzati utilizzando primitive assolutamente generali, svincolate per quanto possibile da assunzioni relative al particolare dominio o problema in esame. Lo studio di queste primitive è esattamente il compito di quella che viene chiamata ontologia formale, che può essere definita come la teoria delle distinzioni a priori tra : ξ entità del mondo reale (oggetti fisici, eventi, regioni, quantità di materia...). ξ categorie di meta-livello utilizzate per modellare il mondo reale (concetti, proprietà, qualità, stati, ruoli, parti...).

Anteprima della Tesi di Antonio Massara

Anteprima della tesi: Visualizzazione ed elaborazione di ontologie: un'applicazione per la selezione di strumenti di data mining, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio Massara Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2608 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.