Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La piena attuazione del principio di libera concorrenza al settore delle telecomunicazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.2 La disciplina tradizionale dei servizi di telecomunicazione. Profili generali. È possibile descrivere la disciplina tradizionale dei servizi di telecomunicazione, approvata con DPR 29 marzo 1973 n.156, e successive modifiche, a partire dai tre profili essenziali che strutturano la materia del regime di riserva originaria di impresa: oggetto, contenuto e soggetti legittimati. Cominciando dall’oggetto, l’analisi della vecchia normativa fa emergere, con sufficiente chiarezza, come il regime di esclusiva riguardasse attività, come si è visto, di tipo essenzialmente imprenditoriale, che sono, pertanto, riconducibili al modello di cui all’articolo 2082 del codice civile. Quindi, attività finalizzate, in particolare, alla fornitura di «utilità» (di servizi), a dei soggetti terzi (il pubblico degli utenti), in cambio del pagamento, da parte di questi ultimi, di un corrispettivo (vale a dire di una tariffa). Quanto al contenuto del regime di esclusiva, questa, secondo quanto specificava l’articolo 1 del DPR 156/73, si presentava come designazione dello Stato quale unico soggetto legittimato alla gestione delle attività di servizi. Per tutti gli altri soggetti, viceversa, l’esclusiva assumeva la veste formale di un divieto di impresa, il quale, d’altra parte, non veniva applicato, nei riguardi di chi avesse ricevuto dallo Stato una concessione a uso pubblico di esercizio dell’attività. In terzo luogo, per quanto attiene ai soggetti legittimati, il regime di esclusiva, così come disciplinata dal citato testo normativo, non avrebbe escluso di per sé, la concessione dei servizi a soggetti privati. Peraltro, va precisato che tutti i concessionari del vecchio regime avevano ricevuto, attraverso le clausole delle convenzioni con essi stipulate dal Ministero delle poste e telecomunicazioni, e aventi a oggetto precipuo, appunto, la regolazione dei rapporti fra Stato e gestore in concessione, una conformazione: 1) in ordine allo scopo sociale, che poteva essere solo quello di realizzare la

Anteprima della Tesi di Sabrina Gambato

Anteprima della tesi: La piena attuazione del principio di libera concorrenza al settore delle telecomunicazioni, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sabrina Gambato Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2837 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.