Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione delle società di calcio professionistiche: confronto tra la Juventus F.C. ed il benchmark Manchester United

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 La risposta dei presidenti delle società di calcio, purtroppo, non è stata per nulla rivolta alla prudenza, o basata sulla lungimiranza, e questo è ciò che ha mandato in tilt il sistema a distanza di pochi anni. Nell’estate del 2002 si è assistito, per esempio, al fallimento di una società storica come la Fiorentina, in seguito ad una situazione debitoria creata da una gestione ben poco oculata, ed altre società sono in piena crisi economica. A questo proposito il 21 febbraio 2003 è stato approvato un Decreto del Governo italiano, poi diventato Legge n°27 del 2003, che ha permesso ai grandi club di salvare i propri bilanci economici. Con questa legge, infatti, è possibile abbattere in un colpo solo l’intero valore economico del parco giocatori, ed ammortizzare le perdite derivanti da queste svalutazioni nei dieci esercizi annuali successivi, anziché nel bilancio oggetto dell’ operazione, come succede per qualsiasi altra azienda. Nel panorama del calcio italiano l’unica squadra a presentare bilanci in attivo, e quindi a non aver beneficiato di questo escamotage, è la Juventus F.C. Il punto più critico toccato dal calcio italiano si è avuto nell’estate 2003, quando sono scoppiati, tutti insieme, una serie di scandali. Il primo è legato al “Caso Catania”. Il club siciliano, militante nella stagione 2002 – 2003 nel campionato di serie B, retrocede al termine della stagione in serie C –1. Il Catania, però, si appella alla Commissione disciplinare della Lega Calcio in seguito alla partita Catania – Siena, disputata in Aprile, in cui il Siena schierò un giocatore squalificato. Dopo che la Corte Federale respinge il ricorso, il Catania si rivolge al Tar, tribunale amministrativo regionale, violando così la clausola compromissoria che prevede di non rivolgersi alla giustizia ordinaria per casi di giustizia sportiva.

Anteprima della Tesi di Simone Argentin

Anteprima della tesi: Gestione delle società di calcio professionistiche: confronto tra la Juventus F.C. ed il benchmark Manchester United, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Simone Argentin Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22896 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.