Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La questione dell’analogia in M. Heidegger

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 ha dato anche avvio alla soluzione positiva del problema riconoscendo “nell’unità di questo «generale» trascendentale” “l’u n i t à d e l l’ a n a l o- g i a” 16 : il concetto di essere, nella misura in cui viene utilizzato dall’intera varietà di ogni ente possibile, possiede in generale il carattere di un concetto analogico. Questa analogia nel senso dell’essere è stata scoperta per la prima volta da Aristotele; e questa scoperta, con il suo progresso vero e proprio, si confronta con la concezione platonica del concetto di es- sere 17 . Il problema dell’essere si presenta dunque, fin dall’inizio, come problema dell’unità dell’idea di essere e delle sue variazioni regionali. L’essere, infatti, si dice in molti modi e ciò in un duplice senso: da un lato, il concetto di essere è molteplice i n s e s t e s s o, vale a dire, non è un concetto indifferente, sempli- ce, ma è articolato in una molteplicità di significati cooriginari, raccolti nell’unità di un concetto generale 18 (dimensione «verticale» dell’analogia); dall’altro, il concetto di essere risulta molteplice in quanto viene attribuito i n- t r i n s e c a m e n t e all’intera varietà di ogni ente possibile, significando ap- punto regioni dell’ente di volta in volta diverse 19 (dimensione «orizzontale» dell’analogia). Sebbene la parte iniziale del capoverso, incentrata sul confronto Platone-Aristotele, accenni soltanto a questo intreccio di problemi, essa dice già l’essenziale: benché Aristotele – “il culmine della ricerca scientifica pura” 20 – di «generalità» che precedono ogni ente generale e ne determinano l’essere. […] L’essere in ge- nerale sta fuori (liegt hinaus). Questo stare fuori dell’essere e delle determinatezze ontologiche (Seinsbestimmtheiten) di un ente oltre (über) un ente in quanto tale è un transcendere, un «oltre- passare» (übersteigen), una trascendenza. Non si tratta però di qualcosa di sovrasensibile e di metafisico in senso banale, con cui si intende di nuovo un ente”; HGA LXI, pp. 90-91: “Che cos’è che da ultimo conta per l’essente in quanto tale? L’essere o, più precisamente – in relazio- ne al modo in cui questo «essere» può essere colto – il «senso dell’essere». Va esplicitamente tenuto presente che l’essere, il senso dell’essere, è filosoficamente il momento di principio di ogni essente; non è però la sua determinazione «più generale», il genere supremo che ha sotto di sé gli enti come casi particolari. L’essere non è la sfera che abbraccia in sé ogni e ciascun essen- te, la «regione suprema»”. 16 HGA XXII, p. 391: “[…] l’©ν non è γ⎡νος. Questa dimostrazione è però soltanto negativa. Il carattere di universalità della determinazione fondamentale di tutto l’ente è divenuto problemati- co. È questo il passo in avanti compiuto da Aristotele rispetto a Platone. In che senso l’essere, le categorie dell’essere, sono principi dell’ente? […] La risposta a questa domanda e il comple- tamento della soluzione negativa sono contenuti nel primo paragrafo di Met. Γ 2”. Cfr. ivi, p. 248: “La struttura dell’universalità dell’essere è la struttura dell’analogia”. 17 HGA XX, pp. 211-212 [234-35]. 18 HGA II, § 41, p. 306 [196]: “A suo tempo vedremo che l’idea dell’essere in generale non è meno «complessa» di quanto lo sia l’essere dell’Esserci”. Cfr. HGA XX, p. 365 [406]: “[…] l’«essere» non è affatto un concetto semplice e tantomeno il più semplice”; HGA XXIV, p. 213 [318]: “[…] il concetto di essere non è affatto e per nulla semplice, e tantomeno ovvio. Il senso dell’essere è la cosa più complicata e il fondamento dell’essere è oscuro. Bisogna dipanare le complicazioni e illuminare l’oscurità”. 19 HGA XXVI, p. 180: “Il termine «essere» viene assunto con un’ampiezza tale che lo fa esten- dere a tutte le possibili regioni. Il problema della molteplicità regionale dell’essere però include in sé, proprio quando viene sollevato in maniera universale, la questione dell’unità di questa e- spressione generale «essere», del modo in cui il significato generale del termine «essere» varia nei diversi significati regionali. […] Il problema è in ogni caso rappresentato dall’unità e univer- salità dell’idea di essere in generale. Proprio questo problema è stato posto già da Aristotele, anche se non gli è riuscito di risolverlo”. 20 HGA XXII, p. 227. Cfr. ivi, p. 93: “Aristotele rappresenta il culmine scientifico della filosofia antica. Egli non ha risolto tutti i problemi, però si è spinto fino ai limiti insiti nell’impostazione

Anteprima della Tesi di Daniele Pelini

Anteprima della tesi: La questione dell’analogia in M. Heidegger, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Daniele Pelini Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2288 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.