Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un esempio di collaborazione tra museografia e resturo: l'allestimento degli spazi espositivi della Reggia di Veneria Reale all'interno del progetto di restauro e valorizzazione del Circuito delle Residenze Sabaude

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 E’ in questi anni che prende avvio la vicenda parallela della Mandria, oggi separata dal Castello di Venaria, ma nata in stretto legame funzionale e territoriale con quest’ultimo, essendo collocata nei suoi territori di caccia. La costruzione della Mandria, inizialmente, quindi, scuderia e non castello, data al 1708, su progetto di Michelangelo Garove: il corpo originario corrisponde all’attuale primo cortile, chiuso però verso ovest da un cancello e non ancora da una manica di fabbricato. L’impianto della facciata attuale, al di là delle sopraelevazioni e di alcune modifiche successive, risale a questa prima fase costruttiva, in cui parallelamente va collocata la nuova strada tra Venaria Reale e Torino. Alla morte di Garove, nel 1713, il cantiere è affidato a Filippo Juvarra cui si devono la Cappella di sant’Uberto, il complesso della Citroniera e della scuderia grande e il completamento della Galleria di Diana, iniziata su disegno del Garove ma da Juvarra completamente ripensata nell’effetto complessivo. Benedetto Alfieri, succeduto nel 1793 a Juvarra nella carica di primo architetto, intraprende da subito una complessa opera di riorganizzazione e di completamento delle strutture ereditate dai suoi predecessori: riplasma la Torre dell’Orologio e il Castelvecchio, collega la Cappella di sant’Uberto al padiglione di levante, raccordando la facciata juvarriana attraverso una breve manica di connessione e interponendovi il torrione con sovrastante Belvedere; conduce una nuova lunga galleria sino alla Citroniera; realizza ancora scuderie, rimesse per le carrozze e maneggio, in un grande complesso serrato intorno a due ampie corti.

Anteprima della Tesi di Paola Francesca Tabusso

Anteprima della tesi: Un esempio di collaborazione tra museografia e resturo: l'allestimento degli spazi espositivi della Reggia di Veneria Reale all'interno del progetto di restauro e valorizzazione del Circuito delle Residenze Sabaude, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paola Francesca Tabusso Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3621 click dal 29/06/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.