Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le tecnologie informatiche come strumento di integrazione per le imprese. Il distretto digitale di Belluno e il progetto Opto-Idx

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

III aziendali (operando come il “Lego”) per essere in grado di pianificare, gestire ed organizzare ogni processo di business. Infine vengono analizzati il nuovo “linguaggio” utilizzato in Internet, l’XML che, accrescendo sempre più l’integrazione tra host (computer) differenti a prescindere dal sistema operativo e dalle piattaforme utilizzate, viene sempre più utilizzato nelle transazioni commerciali su Internet e la diffusione dell’Application Service Provider, ovvero della possibilità fornita alle PMI di accedere ad un servizio di trattamento delle informazioni fornito on-line e di utilizzare via Internet applicativi di proprietà del Provider, traendone enormi benefici in termini di risparmio di costi per la dotazione infrastrutturale. Nel secondo capitolo viene analizzata la situazione italiana per quanto riguarda la diffusione delle tecnologie a livello delle imprese. Ultimamente si è assistito ad un rallentamento negli investimenti in dotazioni tecnologiche, probabilmente dovuto ad una sorta di “indigestione” nel mercato ICT (per le aspettative di crescita oltre misura e ad una cifra di investimenti superiori a quanto fisiologicamente richiesto dalle imprese). A livello industriale, si assiste ad un incremento dello 0,6% (2002/2001) nella spesa per le telecomunicazioni, dovuta alla nascita di progetti orientati alla predisposizione di infrastrutture basate su tecnologie di ultima generazione, orientate all’impiego del protocollo Internet. Mentre, per quanto riguarda la spesa per l’ICT, si rileva un decremento del 6% (2002/2001) dovuto dal condizionamento, sempre più intenso rispetto al passato, di un’analisi dei costi e benefici che una soluzione può garantire, sempre più attenta ed orientata agli aspetti reddituali (vedi l’analisi del Roi). Secondo l’atteggiamento delle PMI verso l’ICT (analizzato nel paragrafo 2.2) possiamo averne quattro tipi differenti, ognuna indicata con un termine inglese: Hands-on technology fan, Cautios fast follower, Middle of the roader e Penny Pincher.

Anteprima della Tesi di Giacomo Santaroni

Anteprima della tesi: Le tecnologie informatiche come strumento di integrazione per le imprese. Il distretto digitale di Belluno e il progetto Opto-Idx, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giacomo Santaroni Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1997 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.