Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli teorici per il risk management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

22 4. Nel caso di reticolo PERT la distribuzione dei tempi è necessariamente la Beta, la varianza della durata del progetto è pari alla somma delle varianze delle attività del cammino critico. Ciò limita le possibilità di rappresentazione dei tempi di esecuzione ed introduce una distorsione nella stima della durata totale. Alla semplicità del metodo si contrappone un certo grado di imprecisione. 5. Le ipotesi sui legami tra costi e tempo di esecuzione sono plausibili ma inaccurate; una stima più precisa può comportare molte difficoltà di ordine pratico nell’ottenere le effettive funzioni che legano tempi e costi. Pur con queste limitazioni i metodi sopra descritti permettono di raggiungere alcuni risultati importanti: • hanno una veste grafica che semplifica la comprensione dello svolgimento del progetto; • permettono di ottenere una stima ragionevole del tempo di esecuzione complessivo di un progetto composto da numerose attività composte in una complessa rete di precedenze; • forniscono una stima dei margini di manovra caratterizzanti ogni attività, agevolando la schedulazione e la programmazione delle attività; • nelle versioni “costi” permettono di legare la programmazione delle attività al costo conseguente.

Anteprima della Tesi di Enrico Ghia

Anteprima della tesi: Modelli teorici per il risk management, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico Ghia Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4316 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.