Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli teorici per il risk management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Le tecniche reticolari 1.1 Grafi Le tecniche reticolari costituiscono una categoria di strumenti analitici avanzati di supporto alla programmazione e gestione dei progetti. Esse permettono di rappresentare l’intero progetto evidenziando i legami funzionali, oltreché temporali, tra le attività e gli eventi che lo caratterizzano. I grafi, di cui i reticoli sono un particolare sottogruppo, vengono utilizzati nel Project Management in un vasto numero di forme, dalle versioni più semplici, che ne sfruttano l’immediatezza visiva, alle più complesse, in cui agli elementi componenti il grafo vengono associati precisi significati matematici e che permettono di accrescere il contributo informativo dello strumento stesso, andando oltre la semplice schematizzazione delle attività. Seguono alcune definizioni fondamentali riguardanti i grafi. Si definisce grafo G = (N,A) una coppia ordinata di un insieme finito non vuoto N di nodi e di un insieme di archi A, ad ogni elemento a di A sono associati due elementi di N, detti nodi terminali o estremi di a. Una catena consiste in una sequenza di archi che collega due nodi appartenenti al grafo. Il grafo è detto connesso se esiste una catena tra due nodi qualsiasi del grafo stesso. Se il grafo è orientato, ossia se ogni arco stabilisce un ordinamento tra i due nodi che mette in collegamento, una catena viene denominata cammino. Un circuito è un cammino che ha come estremi iniziale e finale lo stesso nodo. Dato un grafo orientato si definisce matrice di adiacenza nodi-nodi una matrice che ha una riga ed una colonna per ogni nodo appartenente al grafico,

Anteprima della Tesi di Enrico Ghia

Anteprima della tesi: Modelli teorici per il risk management, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico Ghia Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4315 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.