Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi localizzativa di una base logistica a servizio del porto di Genova

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Date queste difficoltà, si può ipotizzare una soluzione diversa da quella vista poc’anzi. Ad esempio, alcune attività possono essere spostate altrove, e tenendo conto delle zone che hanno i maggiori rapporti commerciali con Genova, oltre che di fattori di prossimità, esse potrebbero essere localizzate oltre Appennino, principalmente in Piemonte e Lombardia. Infatti queste regioni, oltre a rappresentare due fra i mercati di sbocco più importanti per il porto di Genova, godono di efficienti collegamenti viari con l’Europa Centro – Settentrionale e con la Francia. Una struttura come una “base logistica interna” 1 potrebbe quindi avere un’importante funzione nodale tra diversi flussi di traffico in entrata ed in uscita, oltre a fungere da “collettore” per quelle merci in import o in export dalla zona in cui è insediata la base stessa. Ricordiamo che il Piemonte e la Lombardia sono due tra le regioni più industrializzate d’Italia, e presentano un “tessuto” caratterizzato da numerose imprese, differenti per attività e dimensione. Occorre però tener ben presente che una base logistica interna, così come una base insediata vicino alle banchine portuali, deve comunque essere funzionale ad un certo tipo di trasporto, e permettere di realizzare un servizio caratterizzato da tempi e costi in linea con le aspettative di operatori e clienti. Sono loro infatti che utilizzeranno, direttamente o indirettamente, la struttura, e le 1 Le basi logistiche interne hanno avuto successo, specialmente in Italia, a causa della mancanza di spazio nelle zone prossime ai terminali obbligati (in particolare i porti) o ai mercati di sbocco principali (come le grandi città). Pertanto esse sono state collocate in zone intermedie, laddove la risorsa-spazio era disponibile a costi contenuti ma comunque vicina ad importanti vie di comunicazione, così da raggiungere facilmente i luoghi di origine/ destinazione dei traffici mercantili.

Anteprima della Tesi di Davide Passarelli

Anteprima della tesi: Analisi localizzativa di una base logistica a servizio del porto di Genova, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Passarelli Contatta »

Composta da 314 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2365 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.