Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La liberalizzazione dei trasporti aerei nell'Unione europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Il processo di liberalizzazione, anche se ostacolato da tali ritardi, fu avviato. Si ebbe, dunque, in un primo tempo un “Memorandum” sul trasporto aereo del 1979 e poi un secondo “Memorandum” della Commissione al Consiglio del 1989 e, soprattutto, una prima fase distinta dal 1988 al 1990 e nota per l’adozione del “primo pacchetto” e una seconda fase dal 1990 al 1992 nella quale fu adottato il “pacchetto n. 2”. Infine si è giunti alla disciplina della terza fase con il varo dei cinque regolamenti del giugno 92 in vigore dal 1 θ gennaio 1993 e nota come “pacchetto n. 3”. Non è chiaramente, questa la a tutto il settore dei trasporti, ivi compresi quelli marittimi.ed aerei Per contro, l’effetto utile della sentenza citata risultava fortemente limitato dall’esistenza dell’art. 51 (ex 61) del Trattato, a norma del quale la libera circolazione dei servizi in materia di trasporto è regolata dalle norme emanate in attuazione del Titolo V (ex IV) che, pertanto, impediva l’operatività nel settore in esame della giurisprudenza van Binsbergen 11 , e cioè l’applicazione ex diretta delle norme sulla libera circolazione dei servizi, fino a quando norme attuative dell’art. 80.2 (ex 84.2) non fossero state adottate dal Consiglio 12 . Un’altra importante, e più incisiva, serie di pronunce della Corte si è avuta attorno alla metà degli anni ’80. Si ricordino la celeberrima sentenza Parlamento c. Consiglio 13 , nella quale la Corte ha condannato il Consiglio per la mancata attuazione delle norme del Trattato in materia di trasporto, tra cui proprio l’art. 51 (ex 61), dando l’impulso per l’adozione di norme specifiche nel settore. Importantissima anche la già citata sentenza Nouvelles Frontières, con la quale si è stabilita l’applicabilità al settore aereo degli articoli 81 e 82 (ex 85 e 86), anche in assenza di alcuna disposizione attuativa del Trattato, quantunque con alcuni limiti di diretta applicazione, segnatamente in capo ai giudici nazionali. Il quadro si è poi completato con l’altrettanto “storica” sentenza Ahmed Saeed 14 , pronunciata a liberalizzazione già avviata, con la quale si è sancita l’incondizionata 11 Sentenza 3 dicembre 1974, causa 33/74, Van Binsbergen, Racc., p. 1299. 12 V. MUNARI F., La liberalizzazione del trasporto aereo nell’Unione europea tra lotta alle discriminazioni e compressione delle competenze statali, in Dir. UE, 2/99, p. 209. 13 Sentenza 22 maggio 1985, causa 13/83, Parlamento c. Consiglio, in Racc. 1985, p. 1513. 14 Sentenza n. 66/86, Ahmed Saeed,in Racc., citata.

Anteprima della Tesi di Antonio Paderi

Anteprima della tesi: La liberalizzazione dei trasporti aerei nell'Unione europea, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonio Paderi Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6552 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.