Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione recente e prospettive di riforma della disciplina comunitaria delle concentrazioni orizzontali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I 18 2. La prassi della Commissione e la giurisprudenza prima del Regolamento Il complesso iter che ha portato all’adozione del Regolamento 4064/89 corrisponde ad un altrettanto travagliata evoluzione del pensiero politico, economico e giuridico che ha ispirato il dibattito all’interno ed all’esterno delle istituzioni comunitarie fin dalla loro costituzione 16 . I motivi di una così lunga attesa per l’applicazione di una normativa di controllo sulle concentrazioni sono, infatti, da ricercare nelle esigenze e negli obiettivi che via via hanno caratterizzato l’Europa degli ultimi quarant’anni. Nel 1957, anno della stipulazione del Trattato di Roma istitutivo della Comunità Economica Europea, la realtà dei mercati comunitari era ben diver- sa da quella odierna; il quasi inesistente grado di concentrazione fra le impre- se europee era, anzi, visto come un problema da risolvere, per fronteggiare la concorrenza delle grosse corporations americane e giapponesi. A ciò si ag- giunga che lo spirito del Trattato voleva essere quello di creare una reale in- tegrazione all’interno del neonato mercato comune. Queste motivazioni, oltre al fatto che nessuno degli Stati membri contemplava al suo interno una disci- plina sul controllo delle concentrazioni, spiegano le ragioni che hanno spinto i redattori del Trattato a considerare superfluo qualsiasi riferimento al pro- blema delle concentrazioni, dedicando, al contrario, ampio spazio al fenome- no delle intese e all’abuso di posizione dominante 17 . Tuttavia, dagli anni ses- santa il grado di concentrazione dei mercati europei ha iniziato ad aumentare rapidamente. 16 Per una più ampia trattazione, vedi Toffoletto, Le concentrazioni nel diritto comunitario antitrust, in Giurisprudenza commerciale, n. 3, 1990, pag. 449. 17 Rispettivamente all’art. 85 per le intese e all’art. 86 per l’abuso di posizione dominante, rinumerati in 81 e 82.

Anteprima della Tesi di Andrea Poggi

Anteprima della tesi: Evoluzione recente e prospettive di riforma della disciplina comunitaria delle concentrazioni orizzontali, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Poggi Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1902 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.