Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina dell'Unione europea sulla tutela dei beni culturali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 un’unità politica dell’Europa, e cioè la discussione sull’elezione a suffragio universale e diretto del Parlamento Europeo, l’obiettivo del rapporto è quello di prospettare i grandi temi legati ad un’Unione politica, ma mostrando chiaramente il ruolo che la cultura può giocare in questo momento. Il “Rapporto” sottolinea il crescente interesse comunitario verso i temi culturali e vede l’opinione pubblica desiderosa di una Comunità non soltanto mercantilistica ma che si apra ad altri settori, che intervenga in altre aree, come appunto la cultura. Immagina un ravvicinamento di popoli, persone con tradizioni linguistiche e culturali diverse tra loro che camminino insieme per adattare la società alle mutate condizioni circostanti e varare un’Unione europea che salvaguardi il substrato comune dei popoli europei. Il “Rapporto Tindemans” presenta la cultura come necessaria per l’instaurazione progressiva dell’Unione Europea ed il Commissario Gregoire fa una similitudine fra questa costruzione e la prossima riforma del sistema elettivo del Parlamento Europeo 5 : persone con caratteristiche diverse non voteranno insieme se legate solo da comuni interessi economici. La partecipazione del popolo europeo al cammino verso l’Unione Europea avverrà se costoro percepiranno “l’Europa come una Comunità di cultura” e si “riconosceranno gli uni gli altri nelle loro somiglianze e differenze”. Un altro Commissario europeo alla Cultura, Joao de Deus Pinheiro, insiste su questo nuovo approccio nella costruzione europea considerando la cultura come un settore chiave per l’azione comunitaria e ritenendo che gli aspetti culturali dovranno sistematicamente essere considerati durante le azioni della Comunità, proprio come tutte le altre disposizioni del Trattato, senza ridimensionamenti esercitati dalla politica economica. Le diversità 5 Vedi R.Gregoire, op.cit., 462

Anteprima della Tesi di Vincenzo Carrieri

Anteprima della tesi: La disciplina dell'Unione europea sulla tutela dei beni culturali, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Vincenzo Carrieri Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5086 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.