Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina dell'Unione europea sulla tutela dei beni culturali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Il secondo è l’articolo 151 (ex articolo 128) TCE 7 dalla cui lettura emerge un ruolo della Comunità di sviluppo culturale: il Trattato conferma il carattere nazionale delle culture e dei patrimoni culturali nazionali, lasciando fermi i poteri dei singoli Stati per la salvaguardia di questi patrimoni, e individua per la Comunità un ruolo non di sostituzione ma di sostegno nei confronti delle attività degli Stati. La Comunità non ha dunque un ruolo autonomo in tema di disciplina dei patrimoni culturali nazionali. 8 La caratteristica peculiare è quindi il cercare di individuare elementi in comune ma mantenendo le diversità nazionali. Ed è questa coesistenza l’elemento portante di tutta la vita dell’Unione Europea: mostrare e valorizzare ciò che ci unisce nel rispetto di quanto ci divide. La nuova volontà comunitaria è, dunque, di tutelare e rispettare le culture e le identità nazionali, di tenerne conto nelle azioni compiute ai sensi del Trattato. 7 La versione integrale dell’articolo 151 TCE così recita: “1. La Comunità contribuisce al pieno sviluppo delle culture degli Stati membri nel rispetto delle loro diversità nazionali e regionali, evidenziando nel contempo il retaggio culturale comune. 2. L'azione della Comunità è intesa ad incoraggiare la cooperazione tra Stati membri e, se necessario, ad appoggiare e ad integrare l'azione di questi ultimi nei seguenti settori: -miglioramento della conoscenza e della diffusione della cultura e della storia dei popoli europei; -conservazione e salvaguardia del patrimonio culturale di importanza europea; -scambi culturali non commerciali; -creazione artistica e letteraria, compreso il settore audiovisivo. 3. La Comunità e gli Stati membri favoriscono la cooperazione con i paesi terzi e le organizzazioni internazionali competenti in materia di cultura, in particolare con il Consiglio d'Europa. 4. La Comunità tiene conto degli aspetti culturali nell'azione che svolge a norma di altre disposizioni del presente trattato, in particolare ai fini di rispettare e promuovere la diversità delle sue culture […]” 8 Cfr Andrea Roccella, Ordinamento comunitario ed esportazione di beni culturali, in Diritto comunitario e scambi internazionali, 1993, 544

Anteprima della Tesi di Vincenzo Carrieri

Anteprima della tesi: La disciplina dell'Unione europea sulla tutela dei beni culturali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Vincenzo Carrieri Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5086 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.