Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il talk show sportivo e la sua evoluzione: analisi comparata di quattro casi specifici. La Domenica Sportiva - Controcampo - Il Processo di Biscardi - Qui Studio a Voi Stadio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 di offrire e rappresentare personaggi e storie molto diversi. Si tratta poi di un tipo di programma duttile, adatto quindi alle esigenze di una televisione generalista. Il talk show ha permesso la trasformazione dei conduttori in veri e propri personaggi di potere, che hanno una posizione di dominanza molto più rilevante rispetto alla figura del presentatore di varietà. Il varietà si compone in gran parte, infatti, di attrazioni come musica, balletti e performance di vario tipo: in questo contesto, presentare un libro e intervistarne l’autore costituisce una pausa, un interruzione del ritmo. Invece il talk show si nutre di parole, conversazioni e storie, e può esprimere una capacità di narrativizzazione della società contemporanea molto più accentuato. Tra le interpretazioni del ruolo della televisione nella società italiana, si parla spesso di “socializzazione anticipatrice”. La televisione, anche in passato, ha svolto spesso questo ruolo di "scuola popolare": durante gli anni ’60 ha descritto il benessere a chi ancora non lo aveva, mostrando la modernità, i volti, le abitudini della società metropolitana. Questo ruolo di socializzazione dura fino agli anni ’70, perché poi non c’è stato più bisogno di acculturare la gente sulla civiltà del benessere, che ormai apparteneva all’esperienza della maggioranza. In realtà anche la televisione degli anni ’80 ha svolto un suo ruolo, anche se diverso da quello del passato: ha rappresentato agli italiani la società dell’epoca, affluente, consumistica, non più riconducibile a tradizionali contrapposizioni ideologiche. Una società segmentata in base agli stili di consumo e alla collocazione sociale complessiva, piuttosto che alle appartenenze ideologiche e politiche, che andavano invece sgretolandosi. Quella degli anni ’80 è una tv che ha traghettato l’Italia verso il consumismo, ponendosi come punto di riferimento. Con la sua programmazione, fatta di talk show e “consigli per gli acquisti”, la televisione ha insegnato alla gente come consumare, come parlare, come comportarsi, come vivere nella società del consumo. Il talk show in particolare è la forma in cui l’attitudine di questo mezzo alla narrativizzazione si esprime al massimo, ed il contenuto di questa narrazione è la televisione stessa. Si è detto spesso in passato che la televisione è una finestra sul mondo, ma forse è più appropriato dire che è una finestra su se stessa, perché è se stessa

Anteprima della Tesi di Gianluca Lucci

Anteprima della tesi: Il talk show sportivo e la sua evoluzione: analisi comparata di quattro casi specifici. La Domenica Sportiva - Controcampo - Il Processo di Biscardi - Qui Studio a Voi Stadio, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Gianluca Lucci Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4527 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.