Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Questa situazione di degrado trova conferme, con la sola significativa esclusione di Otranto, in tutti quei territori sottoposti a ricognizione sistematica nella Calabria: segni dell'abbandono delle ville tardoantiche e dello spopolamento delle campagne in età altomedievale sono stati individuati per esempio nel territorio di Oria, dove gli insediamenti rurali tardoantichi, meno numerosi ma generalmente di dimensioni maggiori rispetto al periodo precedente, spariscono del tutto nel VI secolo, e in quelli di Valesio, Supersano e Cutrofiano nel Salento. 25 Sfuggono al momento le forme della produzione agraria e dell'articolazione del paesaggio altomedievale. Certamente avranno avuto una certa continuità, sia pure a livelli decisamente minori rispetto ai secoli precedenti, le colture cerealicole e, in certa misura, anche quelle arboricole. Solo per il territorio di Otranto sussistono chiari indizi di una produzione specializzata, probabilmente vitivinicola. Anche nel campo della circolazione delle merci ceramiche è possibile individuare alcuni importanti elementi di rottura tra antichità e altomedioevo. Tra IV e V secolo il panorama era stato dominato dalle ceramiche, in particolare la sigillata D, e dalle derrate alimentari, trasportate nelle anfore cilindriche e affusolate tarde, di produzione africana, cui si affiancarono a partire dal V e nel corso del VI secolo le ceramiche sigillate, in particolare la Late Roman C Ware e, in misura minore, la sigillata cipriota, e le anfore del Mediterraneo orientale (in particolare le LRA 1, 3, 4), che in alcuni siti risultano largamente prevalenti rispetto ai prodotti africani 26 : un’ulteriore conferma degli 25 Un processo di rioccupazione diffusa e di ripopolamento delle campagne del Tavoliere si avverte in maniera sensibile solo nell'XI secolo per iniziativa bizantina, soprattutto ad opera del catapano Boioannes : MARTIN-NOYÉ 1991. 26 D’ANDRIA 1977; VOLPE 1992.

Anteprima della Tesi di Tiziana Monterisi

Anteprima della tesi: Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Tiziana Monterisi Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2560 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.