Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 lontano dalla tradizionale immagine di crisi che a lungo si è tramandata negli studi storici 21 . Il territorio apulo tardoantico risultava popolato, specie in alcune aree privilegiate come la valle dell'Ofanto, di ville e di fattorie, poste nella maggior parte dei casi sullo stesso luogo di precedenti impianti produttivi di età repubblicana e primo imperiale, ora sottoposti ad ampie ristrutturazioni e generalmente ingranditi nelle loro dimensioni; il numero complessivo degli impianti rurali si ridusse rispetto ai secoli precedenti ma, in generale, le dimensioni delle singole strutture abitative e produttive crebbero (riduzione degli insediamenti non vuol dire “crisi” di un territorio): la redistribuzione del popolamento rurale mostra di rispondere ad esigenze di “razionalizzazione” all'interno di un processo di concentrazione della proprietà. Riemerge un tipo di insediamento paganico-vicano aderente alle caratteristiche geografiche della regione, maggiormente adeguato alla soluzione del problema di un più razionale sfruttamento delle risorse idriche e meglio rispondente al tipo prevalente della produzione agraria consistente nella cerealicoltura. Tra la fine del IV e il V secolo, infatti, ad una progressiva crisi del grande allevamento transumante (crisi che si trasformò nella definitiva rottura di una prassi secolare solo nella seconda metà del VI secolo) e delle attività artigianali e manifatturiere imperiali e private ad esso collegate, fece riscontro una straordinaria espansione delle colture cerealicole, anche sotto la spinta delle esigenze annonarie. 21 RUGGINI 1961; DE ROBERTIS 1951. Il tema dell'analisi della transizione tra tardoantico e altomedioevo in ambito rurale con particolare riferimento agli aspetti di “continuità- discontinuità” costituisce infatti uno dei nuclei centrali dell'attuale dibattito storico- archeologico soprattutto tra gli studiosi della tarda antichità e dell’altomedioevo.

Anteprima della Tesi di Tiziana Monterisi

Anteprima della tesi: Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Tiziana Monterisi Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2560 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.