Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 In generale, la zona costiera e lagunare centro-settentrionale adriatica mostra condizioni insediative migliori (cosa che peraltro sembra contrastare con un presunto degrado della fascia lagunare con conseguente sviluppo della malaria), come dimostra la persistenza di Salpi oltre al sorgere di centri quali Lesina (nel VII secolo) e Varano (castrum attestato nel IX secolo). Nel tratto di costa adriatica della Puglia centrale (Barletta, Trani, Bari) l’evoluzione urbana dei centri portuali, avviata in età tardoantica, proseguì e si sviluppò tra VII e IX secolo, con esiti importanti nella piena età medievale 22 .I territori pianeggianti del Tavoliere sembrano invece sostanzialmente spopolati. 23 È certo comunque che nel territorio daunio la rete di vici, villae e fattorie tardoantiche si disintegrò intorno alla metà del VI secolo: la totalità degli impianti produttivi rurali (scavati o individuati nel corso delle ricognizioni) mostra chiari segni di abbandono o di rioccupazione impropria. Si formarono piccoli abitati, di cui restano, oltre alle necropoli, solo labili tracce relative prevalentemente ad edifici realizzati con strutture lignee o con muretti in cui furono riutilizzati materiali recuperati dalle strutture delle ville romane; si tratta di forme di rioccupazione “abusiva” da parte di piccole comunità, a volte caratterizzate da forme di vita povera o poverissima, che attestano una qualche forma di continuità insediativa con caratteri però ormai molto degradati 24 . 22 GRELLE-VOLPE 1994. 23 Una tale situazione, ricostruibile al momento più sulla base dei documenti scritti che su risultati di indagini archeologiche, potrebbe essere meglio precisata con il progresso delle ricerche sul campo. 24 Ciò dimostra che la continuità insediativa non va confusa con la continuità di una stessa forma di insediamento (unità di sito con identità di unità topografica): CARANDINI 1993 , p. 17.

Anteprima della Tesi di Tiziana Monterisi

Anteprima della tesi: Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Tiziana Monterisi Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2560 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.