Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I nuovi elettori fra identificazione e ambivalenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

___________________________________________________Il comportamento politico I nuovi elettori fra identificazione e ambivalenza 8 Il significato di destra e sinistra nel sistema politico americano appare differente rispetto al significato di destra e sinistra nel sistema politico italiano. Benché universalmente la distinzione sia nata con la rivoluzione francese, il significato intrinseco della dicotomia sembra essere diverso a seconda del sistema politico di riferimento. Rifacendoci al lavoro di Bobbio (1994), utilizziamo il concetto di destra e sinistra come contrapposizione di ideologie e movimenti antitetici. Secondo lo studioso, in un universo come quello politico, costituito da rapporti di antagonismo fra parti contrapposte (partiti, gruppi di interesse, fazioni…), il modo più idoneo per rappresentare la realtà è una diade o una dicotomia. La stessa categoria politica viene rappresentata dalla contrapposizione amico-nemico, che riassume, ad un livello astratto, l’idea della politica come luogo dell’antagonismo. Bobbio considera l’utilizzo delle parole destra e sinistra come una banale metafora spaziale, la cui origine (del tutto casuale, per altro) e la cui funzione è semplicemente quella di dare un nome alla persistente ed essenziale composizione dicotomica dell’universo politico. Il nome dato alle categorie può variare, la struttura essenzialmente bipolare dell’universo politico rimane. Per questo, ci sembra comunque idoneo fare riferimento a teorie che riguardano due sistemi politici concettualmente diversi, ma strutturalmente identici. Un modello che si oppone a quello di Eysenck e Wilson è quello proposto da Kerlinger (1984, modello dualistico), in base la quale il liberalismo non è necessariamente l’opposto del conservatorismo, ma le due posizioni possono essere fra loro complementari. Questo modello si basa sulla teoria dei riferimenti criteriali: un referente è una categoria che serve a focalizzare un atteggiamento; un referente è criteriale in quanto è centrale per un atteggiamento. Secondo Kerlinger l’insieme dei fenomeni importanti per i liberali non saranno gli stessi per i conservatori e viceversa. Ad esempio l’uguaglianza sociale sarà un tema centrale per i liberali e non per i conservatori, la proprietà privata sarà un concetto centrale per i conservatori e non per i liberali.

Anteprima della Tesi di Sara Ferri

Anteprima della tesi: I nuovi elettori fra identificazione e ambivalenza, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Sara Ferri Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 927 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.