Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione dello stato fisiologico di organismi sentinella (Tapes Philippinarum e Mytilus Galloprovincialis) mediante l'uso di biomarkers

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

francese e gestito dall’Ifremer; il programma National Status and Trends (NS&T) del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), che conduce dal 1986 un programma di Mussel Watch lungo le coste degli USA mediante utilizzo di mitili. Ricordiamo, infine, i Progetti pilota per la determinazione dei contaminanti organici e inorganici condotti nell’ambito del MED POL e coordinati dall’UNEP in collaborazione con altre Agenzie delle Nazioni Unite (http://www.minambiente.it). In Italia il primo tentativo di utilizzare su grande scala i molluschi bivalvi e in particolare il mitilo mediterraneo Mytilus galloprovincialis, quali indicatori di “qualità” ambientale, è stato condotto nell’ambito delle attività di monitoraggio previste ai sensi della Legge n.979 del 31 dicembre 1982 ed attuate dalle Regioni costiere. In tale legge, infatti, si prevedono “Disposizioni per la difesa del mare” e in particolare nell’art.3 si prevede di “…organizzare una rete di osservazione della qualità dell’ambiente marino”. Con questa attività sistematica di monitoraggio, si è inteso per la prima volta, valutare lo stato di qualità delle acque marine costiere italiane da un punto di vista ambientale e non in funzione dei suoi effetti sulla salute dei “bagnanti”: questa indagine non verifica quindi la “salubrità” del mare, cioè l’impatto delle acque marine sulla salute umana, ma controlla quanto le attività dell’uomo modificano l’ambiente marino ed in che misura lo alterano. I primi programmi di monitoraggio hanno interessato solo le Regioni dell’Alto Adriatico ed i dati raccolti non erano informatizzati. A partire dal 1996, i dati provenienti dal programma di monitoraggio nazionale sono stati gestiti attraverso la banca dati del Servizio Difesa Mare Si.Di.Mar., che mette a disposizione una base di riferimento importante per fissare i livelli di contaminazione del biota e per consentire confronti con i risultati di successive indagini relativamente a molti parametri di rilevante interesse ambientale (http://www.minambiente.it). 4

Anteprima della Tesi di Irene Tamburin

Anteprima della tesi: Valutazione dello stato fisiologico di organismi sentinella (Tapes Philippinarum e Mytilus Galloprovincialis) mediante l'uso di biomarkers, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Irene Tamburin Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1670 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.