Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti iconici della comunicazione virtuale nei newsgroup

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

risposta definitiva a tale disputa ma di delineare l’evoluzione teorica che ha portato gli studiosi a spostare il proprio interesse dall’interazione uomo-computer alla comunicazione uomo-computer, analizzando nel dettaglio le principali teorie che si sono susseguite nel corso degli anni per dare una spiegazione dei principali fenomeni della CMC e in modo particolare del flaming on-line. In aggiunta alla trattazione teorica e stata condotta anche una ricerca sul campo con l’obiettivo di analizzare nel dettaglio il fenomeno dal flaming on-line all’interno della realtà on-line italiana. Visto l’interesse che Internet sta riscotendo anche in Italia si è pensato di condurre una ricerca all’interno dei newsgroup italiani, in considerazione del fatto che sinora l’interesse dei ricercatori è stato prevalentemente assorbito dalle comunità virtuali anglosassoni, che sono di dimensioni molto più ampie di quelle italiane e hanno una storia più lunga alle spalle, poiché esistono dalla metà degli anni ’80, a differenza delle comunità italiane, la cui storia è molto più recente e non arriva a 10 anni. Proprio la relativa giovinezza della comunità italiana rappresenta il motivo per cui si è deciso di condurre una ricerca sui newsgroup italiani: avendo letto molte ricerche sui newsgroup americani e numerose teorie che spiegano i più frequenti comportamenti on- line ci si è domandati se le stesse osservazioni e le stesse conclusioni potessero essere fatte anche a proposito dei newsgroup italiani, in particolare ci si è interessati al fenomeno del flaming, di cui si è parlato molto anche sugli altri media come i giornali e la televisione, e ci si è chiesti se questo fenomeno esiste anche in Italia, se è molto frequente e quali sono gli aspetti che lo contraddistinguono. L’interesse per in fenomeno del flaming si spiega anche in base alla mancanza di una spiegazione univoca sul perché di questo fenomeno, esistono molte posizioni differenti, ognuna sostenuta da ricerche sul campo, eppure non si è riusciti ancora ad arrivare ad un accordo tra gli studiosi persino circa la frequenza di questo fenomeno: alcuni affermano che è un fatto sporadico mentre secondo altri è una costante che si manifesta in ogni comunicazione on-line. La struttura di questo lavoro è suddivisa in due parti: la prima tratta degli aspetti teorici della comunicazione mediante computer mentre nella seconda parte viene presentata nel dettaglio la ricerca eseguita e i risultati ottenuti. Nel capitolo due viene affrontato il tema dell’interazione uomo-computer, un campo di studi molto ampio che racchiude al suo interno una serie di discipline molto diverse tra loro come la psicologia e l’informatica. L’obiettivo del capitolo è di descrivere le principali teorie che sono state proposte per comprendere in che modo avviene l’interazione tra l’uomo, che ragiona in modo parallelo e il computer, una macchina basata su un sistema di funzionamento seriale, in particolare vengono analizzate le teorie che sono state utilizzate nel corso degli anni per produrre delle interfacce che permettessero all’utente di servirsi del sistema informatico nel modo più semplice e produttivo possibile e di come queste teorie abbiano finito per spostare l’interesse dalla

Anteprima della Tesi di Matteo Longoni

Anteprima della tesi: Aspetti iconici della comunicazione virtuale nei newsgroup, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Matteo Longoni Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2900 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.